This site uses cookies! Learn More

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner.

Visualizza dettagli: italiaunix.com/cookies

Per proseguire con la navigazione del sito, devi accettare di utilizzare i nostri cookie :)

  • Who's Chatting

    There are no users currently in the chat room

Sign in to follow this  
Followers 0

FreeBSD 9: prime impressioni da un neofita BSD

   (0 reviews)

Cero

Fino a qualche giorno fa di BSD conoscevo solo il nome: nonostante avessi provato molti sistemi operativi diversi, BSD mi mancava.

Ho quindi deciso di installare FreeBSD su una partizione per capire il funzionamento di BSD e le diversità rispetto al "cugino" Linux.

FreeBSD si presenta con una schermata di installazione grafica, ma da terminale: si tratta di quelle schermate "vecchio stile", simile esteticamente all'installer di Arch Linux per chi ha presente. Nonostante ciò, funziona addirittura il mouse e altre funzionalità avanzate come l'accesso wifi (guidato, con scansione delle reti e DHCP) per permettere di installare il sistema in quasi tutte le tipologie di computer.

La procedura di installazione è molto semplice e completamente guidata, nel partizionamento è possibile far decidere all'installer come sfruttare lo spazio libero sul disco, quindi non c'è davvero nessuna difficoltà. Inoltre è possibile aggiungere, già durante l'installazione, degli utenti per il sistema che utilizzeremo.

Un primo problema l'ho avuto invece con il boot manager: a quanto pare, l'installazione si dimentica del fatto che il sistema dovrebbe essere avviato alla fine della procedura, e non viene installato nessun gestore dell'avvio. Personalmente ho risolto installando GAG, esteticamente curato e semplicissimo da installare e configurare.

Avviato il sistema, ci troviamo davanti al terminale e possiamo fare il login con uno degli utenti precedentemente impostati: la prima volta ovviamente conviene entrare come root per installare e configurare il necessario.

I programmi, desktop enviroment e in generale l'esperienza d'uso, a prima vista, è molto simile a Linux: per l'interfaccia grafica si utilizza X11 e i DE sono i soliti che conosciamo: personalmente ho installato KDE ma sono presenti Gnome (la versione 3 è in fase di sviluppo), XFCE e altro.

Quello che cambia è il modo di installare i pacchetti: l'idea di base è infatti quella di compilare ogni pacchetto attraverso i ports, un sistema di distribuzione di sorgenti e istruzioni per la compilazione. La lista dei ports viene scaricata interamente sul computer, quando si sceglie di installare qualcosa è necessario quindi entrare nella cartella corrispondente al pacchetto e dare il via alla compilazione.

In FreeBSD, comunque, sono presenti anche pacchetti precompilati, perlomeno i più utilizzati: per fortuna non ho dovuto compilarmi interamente KDE 4 :D

Per il resto, si utilizzano i demoni come su Linux, nel caso di FreeBSD è possibile configurare completamente quali verranno avviati e quali no attraverso il file /etc/rc.conf. La gestione degli utenti è anche molto simile.

Tra le differenze, FreeBSD utilizza ancora HAL mentre sulla maggior parte delle distribuzioni Linux si è passati a DBus, e gestisce l'audio attraverso Open Sound System (anche questo disponibile su Linux, ma nella maggior parte dei casi si usa ALSA).

Inoltre esistono emulatori per le funzioni Linux che non funzionano su BSD: faccio l'esempio di Flash Player: attraverso dei file estratti da Fedora, è possibile utilizzare la versione di Flash creata per Linux, su BSD.

Per quel che riguarda il mio computer, su Linux avevo problemi con la scheda video, che causava dei problemi al monitor: questo problema non si ha su BSD (come non c'è su Mac OS X), quindi nel mio caso è stata una scelta quasi obbligata.


  Report Articolo
Sign in to follow this  
Followers 0


User Feedback

There are no reviews to display.


  • Who's Online (See full list)

    There are no registered users currently online

  • Member Statistics

    • Total Members
      533
    • Most Online
      833

    Newest Member
    LC
    Joined
  • Categories

  • Posts

    • [ARTICOLO]Ubuntu 16.04 è finalmente arrivato
      Finalmente dopo vari mesi di beta è finalmente disponibile in versione stabile l'ultima release LTS di Canonical: Ubuntu 16.04 LTS Xenial Xerus rilasciato il 21 Aprile 2016.  Il suo ciclo di vita durerà ben 5 anni, come per tutte le versioni Long Term Support a cui Canonical ci ha abituato in questi anni. Xenial Xerus reca con sè molteplici novità rispetto al passato e in questo articolo cercheremo di elencarle e fornire un'idea chiara agli utenti di ciò che ci aspetta in futuro. Innanzitutto è stato aggiornato il kernel, infatti adesso Ubuntu si basa sul Kernel Linux 4.4 LTS, che va a migliorare il supporto ai processori di nuova generazione Intel (Skylake); integra il supporto alle piattaforme TPM 2.0, journaling su RAID 5 e il completamento del supporto al filesystem ZFS. Per gli utenti meno avvezzi ad installare app tramite il terminale, segnaliamo che l'Ubuntu Software Center è stato adesso sostituito con il GNOME Software. In sostanza le differenze fra il precedente store e il nuovo non sono molte, ma il secondo è più stabile, organizzato e gestito meglio rispetto al predecessore.  Inoltre sarà possibile per gli utenti più smanettoni aggiornare il firmware del dispositivo e altri componenti come il BIOS o il sistema EFI per chi lo adoperasse. Rimanendo sull'argomento terminale, adesso Canonical ha mandato in pensione il tanto usato sudo apt-get in favore del più pulito sudo apt.  Ma adesso arriviamo ad una delle novità cruciali, ovvero il rinnovato Unity 7.4, che apporta una ventata di novità per gli utenti desktop: navigazione nella dash con nuove barre di scorrimento; accesso alle opzioni di sessione (spegnimento, riavvio) dalla dash; possibilità di spostare il launcher in basso; lo switcher desktop ha una propria quicklist; Aggiunto il tasto Formatta alle quicklist dei dispositivi rimovibili; le icone delle app nel launcher appaiono anche durante il caricamento;
        Come dicevamo prima, ora la nuova versione di Unity ci consente di portareil launcher in basso (in stile Windows per intenderci) Ricordate che in Ubuntu 14.04 era attiva di default la ricerca online e la ricerca sullo store Amazon? Ebbene Canonical ha cambiato rotta e ha deciso di disattivare di default questa funzione, riattivabile ovviamente andando in Impostazioni>Sicurezza e Privacy>Ricerca. Per quanto riguarda gli aggiornamenti al software di sistema e ai repository: Nautilus 3.14; Rhytmbox 3.3.1; ShotWell 0.22; Firefox 45; Thunderbird 38.6; LibreOffice 5.1; Chromium 49; Da segnalare infine l'aggiunta di programmi come Gnome Calendar, Gnome Software Center e il gestore della fotocamera Cheese. Scompaiono invece Brasero e Empathy facilmente recuperabili comunque tramite gestore pacchetti. Ubuntu 16.04 è la prima distro di Canonical che passa a Systemd, usandolo come init system predefinito. Abbiamo inoltre l'aggiunta del supporto ai pacchetti "snap" in grado di gestire upgrade, downgrade e dipendenze del software senza rovinare il sistema operativo.
      Visualizza tutto articolo
    • [ARTICOLO]Nvidia rilascia i driver Vulkan 364.16 - le novità
      Se volete installare i nuovi driver tramite il binario ufficiale potete scaricarlo a questo indirizzo. Ecco il changelog: - Updated Vulkan API to 1.0.8 - Improve pipeline creation performance and multi-threaded scaling - Increase our maximum bound descriptor sets from 4 to 8 - Add support for asynchronous transfer queue - Improve VK_EXT_debug_report messages on incorrect API usage and shader compile failure - Fix VkImageFormatProperties maxMipLevels property - Reduce VkPhysicalDeviceLimits bufferImageGranularity requirement on GM20x GPUs - Improve Vulkan support on Optimus platforms - Fixes for minor driver and SPIR-V compiler bugs Considerando che l'API Vulkan 1.0.8 è stata rilasciata solo una settimana fa, Nvidia è stata veramente molto veloce ad implementare le modifiche nei nuovi driver. Vedremo quanto sarà veloce la risposta della controparte AMD. Fonte.  
      Visualizza tutto articolo
    • [ARTICOLO]GNOME 3.20 rilasciato, vediamo le novità.
      Dopo sei mesi di sviluppo, GNOME 3.20 è stato finalmente rilasciato. E, proprio come ci si aspetterebbe da uno degli ambienti grafici più famosi ed utilizzati al mondo, è pieno di novità. Circa 837 sviluppatori hanno dato una mano per realizzare questa versione di GNOME. Aggiornamenti dell'OS Integrati La novità principale in GNOME 3.20 è il fatto che il software supporti gli aggiornamenti dell'OS. Gli aggiornamenti sono stati gestiti attraverso l'applicazione software per un po' di tempo, e l'ultima release ha aggiunto la possibilità di aggiornare direttamente il firmware (una caratteristica che debutterà su Ubuntu desktop con la versione 16.04 LTS il mese prossimo). “Questa è la prima volta che GNOME ha quest'abilità,” dice GNOME della funzionalità. ”questo significa che non ci sarà più bisogno di fare una nuova installazione o usare uno strumento da riga di comando per ottenere la versione successiva della propria distribuzione. Questa è una tappa importante per rendere i sistemi GNOME-based user friendly e accessibili a tutti." Un ambiente desktop moderno Un riassunto coinciso dei cambiamenti: Migliorato il supporto per il Wayland display server Applicazioni di base aggiornate, tra cui Foto, Mappe e Polari Nuova funzione che include finestre di scelta rapida Widget di controllo dei media disponibile in Clock shade Il software aggiunge il supporto per leggere/scrivere recensioni Miglior controllo su quali app possono ottenere accesso alla posizione Il font di default Cantarell è stato ridefinito Nuovo pannello di impostazioni per mouse e touchpad Il Dconf-editor è stato rinnovato OSD per attivare la connettività da tastiera Prompt per dispositivi Audio Controllate le note di rilascio per vedere tutte le novità. Getting GNOME 3.20 Ubuntu 16.04 LTS sarà rilasciato il prossimo mese ma non includerà GNOME 3.20 di default (o come aggiornamento ufficiale supportato). Tutta colpa del tempismo; l'ultima relase di GNOME è arrivata proprio dopo i termini di scadenza di Ubuntu. Non affrettatevi a prendere i dischi di installazione di OpenSUSE però: una serie di PPA quasi ufficiali per GNOME offrirà un aggiornamento non supportato a GNOME 3.20 per gli utenti con Ubuntu 16.04. Se non volete aspettare e avete una chiavetta USB a portata di mano potete scaricare una live(basata su OpenSUSE) che viene rilasciata con GNOME 3.20 incluso — mantenete la calma però: ricordate che questa live è solo per il testing e non per l'installazione. La nuova versione di Fedora 24 includerà GNOME 3.20 di default. GNOME 3.20 è disponibile per il download proprio adesso La nuova versione di uno degli ambienti desktop Linux più popolari è qui, pronto a soddisfarvi in ogni vostra esigenza (in caso abbiate installato una distribuzione che prevede la sua aggiunta). GNOME 3.20 è la  31esima release stabile dell'ambiente desktop gratuito e open-source. Per celebrare questa grande tappa abbiamo raccolto le 11 migliori nuove funzionalità di GNOME 3.20. Fateci sapere le vostre preferite nei commenti. 11 Fantastiche nuove funzionalità in GNOME 3.20 1. Finestra delle scorciatoie Se avete desiderato di poter impostare delle scorciatoie da tastiera per la vostra app di GNOME preferita, questa funzione vi aiuterà. GNOME 3.20 introduce la finestra delle scorciatoie, una finestra in cui sono elencate tutte le scorciatoie da tastiera in uso nell'applicazione corrente. Basta premere Ctrl + ? in un'applicazione supportata e vi si aprirà una panoramica istantanea di tutte le scorciatoie e le gesture multi-touch (dove possibile) disponibili per l'applicazione, con una descrizione per indicare cosa fa ogni scorciatoia. C'è anche una barra di ricerca che permetterà di cercare scorciatoie specifiche. Anche se non è una caratteristica rivoluzionaria sarà sicuramente una delle migliori nuove caratteristiche in GNOME 3.20. 2. Foto Editing Nell'app Foto sono disponibili funzioni di editing native nella versione 3.20. Le funzioni di editing includono taglia e ruota, regolazione del colore e miglioramento dell'immagine. È disponibile anche una selezione di filtri artistici. Durante l'editing le vostre foto originali non saranno cancellate, quindi ogni azione potrà essere annullata velocemente. I Bloggers apprezzeranno la nuova opzione esporta che permette di salvare velocemente una foto in dimensioni ridotte. 3. Calendario di GNOME migliorato L'app Calendario è stata migliorata in GNOME 3.20. Aggiungere appuntamenti ed eventi è ancora più semplice grazie ad un Quick Add pop-over, c'è un nuovo stile per la modalità 'anno' e un miglio supporto per i colori personalizzati nei calendari. 4. Controlli del Media Player Se vi piace Ubuntu Sound Menu, che permette di controllare il lettore musicale tramite un pannello a scomparsa, c'è una nuova funzione in GNOME 3.20 che sarà musica per le vostre orecchie. Il menù Media controls si trova nella zona delle notifiche/ora e si apre ogni volta che una traccia audio o un video vengono riprodotti, permettendo di gestire facilmente la riproduzione. I controlli per app multiple possono essere mostrati allo stesso tempo. Questa nuova funzione utilizza il comune MPRIS standard, che è supportato dai più popolari Media Player disponibili su Linux, inclusi Rhythmbox, Spotify, VLC e Clementine. 5. Tasti Funzione Se i tasti funzione del vostro laptop (ad esempio i tasti per il volume e per l'attivazione del sensore Wi-Fi) non funzionavano con GNOME, potrebbero funzionare con la versione 3.20. Quando attiverete delle funzioni vi sarà notificato a schermo. 6. Tipografia più pulita Il Cantarell è il font di default del sistema in GNOME e per la versione 3.20 è stato rivisitato e ripulito. Il ridimensionamento coerente di ogni lettera da un aspetto più uniforme al font. GNOME ha anche espanso il font per utilizzare più set di caratteri, incuso Vietnamita, Cirillico e Devangari. 7. Polari IRC Client Polari, il client IRC di GNOME ottiene una spinta in questo ciclo. Quando vorrete condividere un'immagine in una chatroom potrete incollare direttamente le immagini nell'IRC. Polari le caricherà automaticamente su Imgur e condividerà l'URL per vederle nella chatroom. Aggiungere server e stanze è facile, secondo GNOME, che sta migliorando le impostazioni dei propri server. Non ci sarà più bisogno di inserire manualmente (o ricordare) l'indirizzo di un server. I server potranno essere selezionati direttamente da una lista. Altrove Polari urta il suo supporto per funzioni IRC comuni, come il comando /msg, scheda completa, e la possibilità di aprire links IRC. 8. Maps Maps 3.20 consente di aggiungere e modificare i dati della mappa OpenStreet/punti d'interesse, ed importare layers personalizzati. I layers personalizzati permettono l'aggiunta di livelli addizionali nella mappa, utilizzando i formati comuni come GeoJSON, KML e GPX. Possono essere trovati online per cose come confini politici, punti d'interesse per eventi o dati ambientali. È anche possibile utilizzare questa funzione per visualizzare i dati della propria via da dispositivi mobili o Google. Infine, Maps adesso può generare immagini della mappa in formato .PNG. Questo si rivelerà utile per quando si desidera condividere un percorso con gli altri. Altre piccole migliorie in questa versione includono: Una misura della scala è visualizzata sulla mappa Maps si aprirà con l'ultima cosa visualizzata I links per i luoghi che usano il prefisso "geo:" adesso possono essere aperti nell'app Le indicazioni ora includono le informazioni sulle rotatorie 9. Mostra la percentuale di batteri nella barra di sistema Una piccola miglioria che farà felici i possessori di laptop. Una nuova opzione (nascosta) permette a coloro che usano GNOME su laptop di vedere la percentuale di batteria corrente direttamente nella barra di sistema (prima era necessario aprire il menù di sistema per vederla). Per attivarla avrete bisogno di usare dconf-editor. Troverete l'impostazione qui: org > gnome > desktop > interface > show-battery-percentage 10. Migliori controlli di privacy Alcune apps di GNOME come Weather e Maps, funzionano meglio quando sono in grado di utilizzare la posizione corrente - ma questo può anche essere un problema per la privacy. GNOME ha reso facile disattivare i servizi di localizzazione a livello globale, fermando tutte le applicazioni dall'essere in grado di accedere ai dati di localizzazione. Nella versione 3.20, questi controlli della privacy sono diminuiti. A questo punto è possibile autorizzare i servizi di localizzazione su una base per l'applicazione: ogni applicazione deve richiedere l'accesso per utilizzare i dati di localizzazione. Si vedrà un indicatore nella barra di sistema quando i servizi di localizzazione saranno in uso, come nelle precedenti versioni di GNOME. 11. Ricerca file semplificata Anche l'applicazione Files  — meglio conosciuta come Nautilus  — ha ottenuto dei miglioramenti. Il file manager adesso offe più controllo riguardo alla dimensione delle icone ed è stato risolto il problema delle icone giganti presente nella versione precedente. Filtri di ricerca rinnovati rendono più semplice trovare i files, mentre la ricerca in generale è stata migliorata per mostrare risultati più velocemente. Files ha anche un  with a finestra delle preferenze semplificata e compatta.  Ciò comprende anche nuove impostazioni per mostrare la cancellazione permanente e creare collegamenti, oltre che per attivare la ricerca recursiva. Fonti: 1-2  
      Visualizza tutto articolo
    • [ARTICOLO]OpenToonz, software per animazioni usato dallo Studio Ghibli, verrà rilasciato questo mese
      Questa è una buona notizia per gli sviluppatori: Dwango ha ottenuto i diritti del software di animazione Toonz, usato dallo Studio Ghibli, e ha intenzione di rilasciare una versione open source che si chiamerà OpenToonz.                                              Immagine presa dal film d'animazione "La principessa Mononoke". Quindi sarà open source, con un set di funzionalità esteso utilizzato dagli animatori dello Studio Ghibli. Traduzione: "Il contratto con Dwango ha permesso a Digital Video di realizzare una delle sue strategie, cioè a fare di Toonz uno standard mondiale per l'animazione 2D" ha detto Claudio Mattei, Managing Director di Digital Video."Sarà anche il punto di partenza di un nuovo eccitante piano per approvare il modello di mercato open source, sostenendo, formando e personalizzando Toonz per i vecchi e per i nuovi utenti . Siamo orgogliosi di condividere questo percorso con Dwango e con lo Studio Ghibli, rinomato utente di Toonz dal 1995."  Speriamo che questo sia utile anche per gli sviluppatori di videogiochi. Molti degli ultimi giochi usciti fanno utilizzo di cut scenes, quindi questo potrebbe essere molto utile per giochi basati sulla storia. Il software sarà open-source, ma non sarà disponibile per sistemi linux fin da subito.   Fonti: 1-2
      Visualizza tutto articolo
    • [ARTICOLO]Nvidia 364.12 rilasciati con supporto a Vulkan, Mir, e Wayland
      Dopo circa un mese in beta con dei driver specifici per Vulkan, è stato tutto riunito in un unico driver, più aggiornato, e con in più il supporto a Mir e Wayland, i nuovi server grafici che dovranno sostituire X.org, il cui supporto nei driver closed è stato atteso per anni. Su Mir e Wayland: Potete leggere il changelog completo a questo indirizzo, dove troverete anche il download del driver. Consiglio l'installazione manuale solo ad utenti esperti. Per tutti gli altri, attendete che arrivi con gli aggiornamenti del vostro sistema. Supporto: Hai bisogno di aiuto? Entra nel nostro forum o nella nostra chat per il supporto tecnico! Puoi anche farlo dalla nostra App! Scaricala da Play Store! Vuoi tenerti aggiornato? Allora seguici sui nostri social Facebook e Twitter!  Ora abbiamo anche un gruppo facebook per i consigli sugli acquisti!  SMARTPHONE AL PREZZO PIÙ BASSO D’ITALIA Cerchi uno Smartphone scontato? Vai su Smartylife e utilizza il codice sconto ITALIAUNIX per gli smartphone e ITAUNIXACCESSORI per gli accessori!       
      View full articolo
  • Topics

  • Recent Status Updates