This site uses cookies! Learn More

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner.

Visualizza dettagli: italiaunix.com/cookies

Per proseguire con la navigazione del sito, devi accettare di utilizzare i nostri cookie :)

Cerca nel Forum

Showing results for tags 'microsoft'.

  • Search By Tags

    Tag separati da virgole.
  • Search By Author

Gruppo


AIM


MSN


Indirizzo sito web


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Residenza


Interessi


Sistema operativo


Ambiente Grafico

Trovato 7 risultati

  1. Gabe Newell, da Windows a SteamOS

    Che Microsoft Windows sia il sistema operativo protagonista del videogioco su PC è innegabile, praticamente tutti i giochi hanno una versione Windows, e con l'arrivo di SteamOS la situazione non pare mutata di molto, anche se è ancora presto per pensare di tirare le somme. È però interessante chiedersi chi ha permesso tutto questo? Scrutando nel passato, a metà anni 90, possiamo osservare un uomo dedito alla produzione delle prime tre versioni di Windows, il responsabile è proprio lui, Gabe Newell.   Newell spinse nel rendere il nuovo OS di Microsoft il fulcro di tutto, cominciando a lavorare al porting di Doom e dimostrando infine che Windows poteva essere un buon sistema per lo sviluppo di videogiochi. Tutto ciò vi ricorda qualcosa? Esatto, è quello che sta accadendo ora col sistema libero GNU/Linux, da sempre snobbato dagli sviluppatori ma che ora, grazie nuovamente a GabeN, pare essere l'OS più probabile come erede. Le voci ridicolizzavano il sistema, definendolo inadatto come base di sviluppo per la grafica, pagine e pagine di commenti che lo ritenevano inappropriato per qualsivoglia ragione, sta di fatto che ora è tutto sul mercato. Valve (la software house di Gabe) ha costruito un impero grazie alla piattaforma Steam, che domina il mercato PCista, grazie anche a questo si è potuto spingere sull'acceleratore, proponendo le Steam Machine, PC compatti che permettono la fruizione di Steam semplicemente tirandoli fuori dalla scatola e collegandoli alla presa elettrica, macchine accomunate appunto da SteamOS, una distribuzione Linux mantenuta da Valve stessa. Newell disse che la gente non realizza quanto i videogiochi siano influenti nella scelta di un sistema per un utente, e forse è stata proprio Microsoft a scatenare questa voglia di cambiamento ingorando questa cosa, snobbando per anni il mercato PC in favore della sua console Xbox, creando un vero e proprio effetto a catena che ha per anni maledetto il computer, rendendolo la piattaforma secondaria per gli sviluppatori. La situazione ad oggi è molto diversa, la volontà di Valve e di molti altri sviluppatori si è fatta sentire, il PC è protagonista del mercato e parallelamente GNU/Linux si è completamente rivoluzionato, i principali produttori di scheda grafiche hanno migliorato i driver, diversi titoli tripla A sono approdati, e solo il futuro potrà dirci cos'altro arriverà. I giocatori Linux non sono moltissimi stando alle percentuali di mercato, e c'è chi fa giustamente notare che mancano all'appello molti fra i giochi più recenti e commerciali. C'è però da considerare che siamo solo all'inizio, in pochi anni una personalità come Gabe Newell ha dato prova della sua influenza ed esperienza nell'ambito, creando un vero e proprio concorrente pronto a minacciare il monopolio di Windows.
  2. [ARTICOLO]Gabe Newell, da Windows a SteamOS

    Che Microsoft Windows sia il sistema operativo protagonista del videogioco su PC è innegabile, praticamente tutti i giochi hanno una versione Windows, e con l'arrivo di SteamOS la situazione non pare mutata di molto, anche se è ancora presto per pensare di tirare le somme. È però interessante chiedersi chi ha permesso tutto questo? Scrutando nel passato, a metà anni 90, possiamo osservare un uomo dedito alla produzione delle prime tre versioni di Windows, il responsabile è proprio lui, Gabe Newell. Newell spinse nel rendere il nuovo OS di Microsoft il fulcro di tutto, cominciando a lavorare al porting di Doom e dimostrando infine che Windows poteva essere un buon sistema per lo sviluppo di videogiochi. Tutto ciò vi ricorda qualcosa? Esatto, è quello che sta accadendo ora col sistema libero GNU/Linux, da sempre snobbato dagli sviluppatori ma che ora, grazie nuovamente a GabeN, pare essere l'OS più probabile come erede. Le voci ridicolizzavano il sistema, definendolo inadatto come base di sviluppo per la grafica, pagine e pagine di commenti che lo ritenevano inappropriato per qualsivoglia ragione, sta di fatto che ora è tutto sul mercato. Valve (la software house di Gabe) ha costruito un impero grazie alla piattaforma Steam, che domina il mercato PCista, grazie anche a questo si è potuto spingere sull'acceleratore, proponendo le Steam Machine, PC compatti che permettono la fruizione di Steam semplicemente tirandoli fuori dalla scatola e collegandoli alla presa elettrica, macchine accomunate appunto da SteamOS, una distribuzione Linux mantenuta da Valve stessa. Newell disse che la gente non realizza quanto i videogiochi siano influenti nella scelta di un sistema per un utente, e forse è stata proprio Microsoft a scatenare questa voglia di cambiamento ingorando questa cosa, snobbando per anni il mercato PC in favore della sua console Xbox, creando un vero e proprio effetto a catena che ha per anni maledetto il computer, rendendolo la piattaforma secondaria per gli sviluppatori. La situazione ad oggi è molto diversa, la volontà di Valve e di molti altri sviluppatori si è fatta sentire, il PC è protagonista del mercato e parallelamente GNU/Linux si è completamente rivoluzionato, i principali produttori di scheda grafiche hanno migliorato i driver, diversi titoli tripla A sono approdati, e solo il futuro potrà dirci cos'altro arriverà. I giocatori Linux non sono moltissimi stando alle percentuali di mercato, e c'è chi fa giustamente notare che mancano all'appello molti fra i giochi più recenti e commerciali. C'è però da considerare che siamo solo all'inizio, in pochi anni una personalità come Gabe Newell ha dato prova della sua influenza ed esperienza nell'ambito, creando un vero e proprio concorrente pronto a minacciare il monopolio di Windows. Visualizza tutto articolo
  3. Principali caratteristiche della nuova versioneCuriosi di sapere cosa c'è di nuovo in questa versione? Beh eccovi un breve lista delle novità più interessanti di LibreOffice: Miglioramenti all'interfaccia grafica grazie anche alle nuove iconeMigliorati i menù e le sidebarAnteprima degli stili nelle sidebarIntrodotto il supporto alle emojiInline image editingPossibilità di importare da Apple PagesNotazione scientifica introdotta in CalcNuovi filtriSupporto a Windows 10Introddotta la possibilità di importare gli higlight da Microsoft word docsAggiunte nuove formule complesse, nuove funzioni e la formattazione condizionale in CalcIntrodotto un editing di base per AndroidSe vi interessa il changelog ufficiale e completo allora lo potete trovare a questo indirizzo. LibreOffice 5.0: come installarla subitoLa nuova versione è stata rilasciata Mercoledì e normalmente la vostra distribuzione dovrebbe aggiornare la versione in questi giorni, se tuttavia non volete aspettare e la volete a tutti i costi subito allora disinstallate la vecchia versione e aggiungere il ppa dedicato, funziona su Ubuntu, Linux Mint ed Elementary OS: sudo add-apt-repository ppa:libreoffice/ppa sudo apt-get update sudo apt-get dist-upgrade sudo apt-get install libreoffice Per le altre distribuzioni, potete eventualmente scaricare LibreOffice dal sito ufficiale e quindi installarlo, trovate  il download a questo indirizzo.   Visualizza tutto articolo  
  4. LibreOffice 5.0 rilasciato: ecco le novità

    Principali caratteristiche della nuova versioneCuriosi di sapere cosa c'è di nuovo in questa versione? Beh eccovi un breve lista delle novità più interessanti di LibreOffice: Miglioramenti all'interfaccia grafica grazie anche alle nuove iconeMigliorati i menù e le sidebarAnteprima degli stili nelle sidebarIntrodotto il supporto alle emojiInline image editingPossibilità di importare da Apple PagesNotazione scientifica introdotta in CalcNuovi filtriSupporto a Windows 10Introddotta la possibilità di importare gli higlight da Microsoft word docsAggiunte nuove formule complesse, nuove funzioni e la formattazione condizionale in CalcIntrodotto un editing di base per AndroidSe vi interessa il changelog ufficiale e completo allora lo potete trovare a questo indirizzo. LibreOffice 5.0: come installarla subitoLa nuova versione è stata rilasciata Mercoledì e normalmente la vostra distribuzione dovrebbe aggiornare la versione in questi giorni, se tuttavia non volete aspettare e la volete a tutti i costi subito allora disinstallate la vecchia versione e aggiungere il ppa dedicato, funziona su Ubuntu, Linux Mint ed Elementary OS: sudo add-apt-repository ppa:libreoffice/ppa sudo apt-get update sudo apt-get dist-upgrade Per le altre distribuzioni, potete eventualmente scaricare LibreOffice dal sito ufficiale e quindi installarlo, trovate  il download a questo indirizzo.
  5. Console next-gen

    Da poco sono state confermate le specifiche tecniche della nuova PS4, con (com'era ovvio) un aumento delle prestazioni lato APU (e si, monta una unità di accelerazione di AMD), memoria (8 GB), PSEye, dualshock 4. Fin qui, tutto vecchio, le vere novità riguardano i servizi internet con la possibilità di registrare 15 minuti di gioco e condividerlo su face e l'aumento dell'esperienza social, cross-play con Psvita, quest'ultima che funzionerà come il paddone del WiiU. Xbox Gold, successore della 360, dovrebbe avere specifiche del tutto simili se non identiche. Kinect 2 sarà integrato alla console. La WiiU è stata rilasciata da 3 mesi, con la nuova console Nintendo si è portata al passo con i tempi e anche di più, 2 GB di Ram, una architettura finalmente performante e, insolitamente (perché nessun altro lo ha fatto) GPU-centrica. Le vere potenzialità di questo particolare non sono ancora chiare ma c'è un'intera generazione per mostrarle. Ovviamente, parlando a livello di ferraglia e potenza bruta non regge il confronto con le rivali, ma la politica Nintendo, dopo aver mostrato i muscoli sino al GameCube, è di non confrontarsi con le rivali lato hardware ma di giocarla tutta sull'esperienza di gioco e soprattutto sui giochi, specie i first-party. Per Sony e Microsoft la connessione a internet avrà notevole importanza, la nuova Xbox dovrà essere costantemente collegata, i giochi in entrambe dovrebbero funzionare SOLO su una console, cioé la copia del gioco viene associata alla consolle e non utilizzabile su un'altra, quindi scordatevi di portare i giochi a casa di un amico. Si parla anche di un blocco dell'usato, Sony ha smentito ma dice che lascerà la decisione finale agli sviluppatori. Voi cosa vi aspettate dalla nex-gen?
  6. Da alcuni rumors dovrebbe uscire una versione di Office per iOS e Android che consentirebbe di visualizzare i file della famosa suite per l'ufficio. Tale versione di Office dovrebbe anche consentire una modifica dei file di base dei documenti, invece le modifiche e le caratteristiche avanzate sono disponibili sottoscrivendo un abbonamento a Office365. Si vocifera che per primo sarà lanciato Office per iOS, soprattutto per gli iPad vista la larga base di dispositivi, intorno a marzo 2013, mentre la versione per Android è prevista per maggio 2013. La notizia sembra molto vicina alla realtà: al momento Microsoft non ha smentito, anzi nella roadmap si legge che "MS-Office funzionerà su Windows Phone, IOS e Android". fonte: http://www.pcprofessionale.it/2012/11/09/microsoft-office-in-arrivo-su-ipad-e-android/ Redips. Questo messaggio è stato promosso ad articolo
  7. James Bottomley, capo della fondazione Linux Technical Advisory Board, ha rilasciato una versione dell’immagine di boot UEFI Intel Tianocore e del codice che permette ai programmatori Linux di aggirare le restrizioni imposte dal Secure Boot di Windows 8. Windows 8 verrà distribuito con un sistema di avvio chiamato Unified Extensible Firmware Interface o, più semplicemente, UEFI. Questo è realizzato per fare in modo da bloccare l’installazione di qualunque sistema operativo (compreso Linux, Windows 7 o Windows XP) al posto di Windows 8. Per il momento non si conosce ancora quanto gli OEM abbiano apprezzato l’iniziativa di Microsoft. La chiave per aggirare quest’incredibile limitazione pare essere il Tianocore Intel, una immagine UEFI Intel open-source. Quest’immagine dispone dell’Authenticode utilizzato da Microsoft per il Secure Boot. Bottomley desidera che le persone possano utilizzare e sperimentare con il Secure Boot UEFIcosì da capire come poter installare Linux anche su un sistema Windows. Scrivendo sul suo blog, Bottomley ha affermato che sta rilasciando la nuova immagine adesso perché l’interesse attorno al Secure Boot UEFI è in aumento. Ad essere interessate a questa soluzione sono soprattutto quelle distribuzioni Linux che non hanno accesso ad hardware con Secure Boot UEFI: con l’immagine di Bottomley potrebbero utilizzare una macchina virtuale che potrebbe consentire loro di sperimentare e trovare una soluzione al problema. Fonte: http://www.hwjournal...cure-boot-10879