This site uses cookies! Learn More

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner.

Visualizza dettagli: italiaunix.com/cookies

Per proseguire con la navigazione del sito, devi accettare di utilizzare i nostri cookie :)

Cerca nel Forum

Showing results for tags 'Ubuntu'.

  • Search By Tags

    Tag separati da virgole.
  • Search By Author

Gruppo


AIM


MSN


Indirizzo sito web


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Residenza


Interessi


Sistema operativo


Ambiente Grafico

Trovato 62 risultati

  1. Ubuntu 16.04 è finalmente arrivato

    Finalmente dopo vari mesi di beta è finalmente disponibile in versione stabile l'ultima release LTS di Canonical: Ubuntu 16.04 LTS Xenial Xerus rilasciato il 21 Aprile 2016.  Il suo ciclo di vita durerà ben 5 anni, come per tutte le versioni Long Term Support a cui Canonical ci ha abituato in questi anni. Xenial Xerus reca con sè molteplici novità rispetto al passato e in questo articolo cercheremo di elencarle e fornire un'idea chiara agli utenti di ciò che ci aspetta in futuro. Innanzitutto è stato aggiornato il kernel, infatti adesso Ubuntu si basa sul Kernel Linux 4.4 LTS, che va a migliorare il supporto ai processori di nuova generazione Intel (Skylake); integra il supporto alle piattaforme TPM 2.0, journaling su RAID 5 e il completamento del supporto al filesystem ZFS. Per gli utenti meno avvezzi ad installare app tramite il terminale, segnaliamo che l'Ubuntu Software Center è stato adesso sostituito con il GNOME Software. In sostanza le differenze fra il precedente store e il nuovo non sono molte, ma il secondo è più stabile, organizzato e gestito meglio rispetto al predecessore.  Inoltre sarà possibile per gli utenti più smanettoni aggiornare il firmware del dispositivo e altri componenti come il BIOS o il sistema EFI per chi lo adoperasse. Rimanendo sull'argomento terminale, adesso Canonical ha mandato in pensione il tanto usato sudo apt-get in favore del più pulito sudo apt.  Ma adesso arriviamo ad una delle novità cruciali, ovvero il rinnovato Unity 7.4, che apporta una ventata di novità per gli utenti desktop: navigazione nella dash con nuove barre di scorrimento; accesso alle opzioni di sessione (spegnimento, riavvio) dalla dash; possibilità di spostare il launcher in basso; lo switcher desktop ha una propria quicklist; Aggiunto il tasto Formatta alle quicklist dei dispositivi rimovibili; le icone delle app nel launcher appaiono anche durante il caricamento;   Come dicevamo prima, ora la nuova versione di Unity ci consente di portareil launcher in basso (in stile Windows per intenderci) Ricordate che in Ubuntu 14.04 era attiva di default la ricerca online e la ricerca sullo store Amazon? Ebbene Canonical ha cambiato rotta e ha deciso di disattivare di default questa funzione, riattivabile ovviamente andando in Impostazioni>Sicurezza e Privacy>Ricerca. Per quanto riguarda gli aggiornamenti al software di sistema e ai repository: Nautilus 3.14; Rhytmbox 3.3.1; ShotWell 0.22; Firefox 45; Thunderbird 38.6; LibreOffice 5.1; Chromium 49; Da segnalare infine l'aggiunta di programmi come Gnome Calendar, Gnome Software Center e il gestore della fotocamera Cheese. Scompaiono invece Brasero e Empathy facilmente recuperabili comunque tramite gestore pacchetti. Ubuntu 16.04 è la prima distro di Canonical che passa a Systemd, usandolo come init system predefinito. Abbiamo inoltre l'aggiunta del supporto ai pacchetti "snap" in grado di gestire upgrade, downgrade e dipendenze del software senza rovinare il sistema operativo.
  2. Finalmente dopo vari mesi di beta è finalmente disponibile in versione stabile l'ultima release LTS di Canonical: Ubuntu 16.04 LTS Xenial Xerus rilasciato il 21 Aprile 2016.  Il suo ciclo di vita durerà ben 5 anni, come per tutte le versioni Long Term Support a cui Canonical ci ha abituato in questi anni. Xenial Xerus reca con sè molteplici novità rispetto al passato e in questo articolo cercheremo di elencarle e fornire un'idea chiara agli utenti di ciò che ci aspetta in futuro. Innanzitutto è stato aggiornato il kernel, infatti adesso Ubuntu si basa sul Kernel Linux 4.4 LTS, che va a migliorare il supporto ai processori di nuova generazione Intel (Skylake); integra il supporto alle piattaforme TPM 2.0, journaling su RAID 5 e il completamento del supporto al filesystem ZFS. Per gli utenti meno avvezzi ad installare app tramite il terminale, segnaliamo che l'Ubuntu Software Center è stato adesso sostituito con il GNOME Software. In sostanza le differenze fra il precedente store e il nuovo non sono molte, ma il secondo è più stabile, organizzato e gestito meglio rispetto al predecessore.  Inoltre sarà possibile per gli utenti più smanettoni aggiornare il firmware del dispositivo e altri componenti come il BIOS o il sistema EFI per chi lo adoperasse. Rimanendo sull'argomento terminale, adesso Canonical ha mandato in pensione il tanto usato sudo apt-get in favore del più pulito sudo apt.  Ma adesso arriviamo ad una delle novità cruciali, ovvero il rinnovato Unity 7.4, che apporta una ventata di novità per gli utenti desktop: navigazione nella dash con nuove barre di scorrimento; accesso alle opzioni di sessione (spegnimento, riavvio) dalla dash; possibilità di spostare il launcher in basso; lo switcher desktop ha una propria quicklist; Aggiunto il tasto Formatta alle quicklist dei dispositivi rimovibili; le icone delle app nel launcher appaiono anche durante il caricamento;   Come dicevamo prima, ora la nuova versione di Unity ci consente di portareil launcher in basso (in stile Windows per intenderci) Ricordate che in Ubuntu 14.04 era attiva di default la ricerca online e la ricerca sullo store Amazon? Ebbene Canonical ha cambiato rotta e ha deciso di disattivare di default questa funzione, riattivabile ovviamente andando in Impostazioni>Sicurezza e Privacy>Ricerca. Per quanto riguarda gli aggiornamenti al software di sistema e ai repository: Nautilus 3.14; Rhytmbox 3.3.1; ShotWell 0.22; Firefox 45; Thunderbird 38.6; LibreOffice 5.1; Chromium 49; Da segnalare infine l'aggiunta di programmi come Gnome Calendar, Gnome Software Center e il gestore della fotocamera Cheese. Scompaiono invece Brasero e Empathy facilmente recuperabili comunque tramite gestore pacchetti. Ubuntu 16.04 è la prima distro di Canonical che passa a Systemd, usandolo come init system predefinito. Abbiamo inoltre l'aggiunta del supporto ai pacchetti "snap" in grado di gestire upgrade, downgrade e dipendenze del software senza rovinare il sistema operativo. Visualizza tutto articolo
  3. ZFS di default su Ubuntu 16.04

    Cos'è ZFS? Fonte. Ho aspettato per un bel po' l'arrivo di questo filesystem su sistemi GNU/Linux, prima utilizzato quasi solo ed esclusivamente in ambito server Solaris/BSD.   Supporto: Hai bisogno di aiuto? Entra nel nostro forum o nella nostra chat per il supporto tecnico! Puoi anche farlo dalla nostra App! Scaricala da Play Store! Vuoi tenerti aggiornato? Allora seguici sui nostri social Facebook e Twitter!  Ora abbiamo anche un gruppo facebook per i consigli sugli acquisti!  SMARTPHONE AL PREZZO PIÙ BASSO D’ITALIA Cerchi uno Smartphone scontato? Vai su Smartylife e utilizza il codice sconto ITALIAUNIX per gli smartphone e ITAUNIXACCESSORI per gli accessori! 
  4. [ARTICOLO]ZFS di default su Ubuntu 16.04

    Cos'è ZFS? Fonte. Ho aspettato per un bel po' l'arrivo di questo filesystem su sistemi GNU/Linux, prima utilizzato quasi solo ed esclusivamente in ambito server Solaris/BSD.   Supporto: Hai bisogno di aiuto? Entra nel nostro forum o nella nostra chat per il supporto tecnico! Puoi anche farlo dalla nostra App! Scaricala da Play Store! Vuoi tenerti aggiornato? Allora seguici sui nostri social Facebook e Twitter!  Ora abbiamo anche un gruppo facebook per i consigli sugli acquisti!  SMARTPHONE AL PREZZO PIÙ BASSO D’ITALIA Cerchi uno Smartphone scontato? Vai su Smartylife e utilizza il codice sconto ITALIAUNIX per gli smartphone e ITAUNIXACCESSORI per gli accessori!  Visualizza tutto articolo
  5. Ubuntu touch, il SO per Tablet e Smartphone, sviluppato da Canonical( e community) sarà presto portato sui device di Oneplus e Sony. Canonical, ha infatti dichiarato che ci sarà un futuro porting per questi device, ed entro  questo mese, saranno mostrati con l'OS in funzione. A partecipare attivamente ai porting di Ubuntu Touch sono volontari  che si stanno occupando di far funzionare il sistema su device con in  Android,mentre attualmente gli Ingegneri di Canonical non stanno lavorando al progetto. Maggiori informazioni sui port saranno rilasciate il 22 Febbraio dall'azienda stessa. Per maggiori informazioni vi invito a visitare il sito di ubports. FONTE
  6. Ubuntu touch, il SO per Tablet e Smartphone, sviluppato da Canonical( e community) sarà presto portato sui device di Oneplus e Sony. Canonical, ha infatti dichiarato che ci sarà un futuro porting per questi device, ed entro  questo mese, saranno mostrati con l'OS in funzione. A partecipare attivamente ai porting di Ubuntu Touch sono volontari  che si stanno occupando di far funzionare il sistema su device con in  Android,mentre attualmente gli Ingegneri di Canonical non stanno lavorando al progetto. Maggiori informazioni sui port saranno rilasciate il 22 Febbraio dall'azienda stessa. Per maggiori informazioni vi invito a visitare il sito di ubports. View full articolo
  7. Per quei pochi che ancora non sapessero di cosa sto parlando, i futuri dispositivi mobili targati Ubuntu avranno al loro interno lo stesso sistema operativo che siamo abituati ad utilizzare sul PC, e la sua interfaccia grafica si adatterà in base al dispositivo connesso, quindi, se collegherete mouse e tastiera ad un tablet da 10" vi ritroverete un normalissimo PC portatile, scollegandoli tornerete ad avere un tablet.   Bq Aquaris M10 Ubuntu Edition sarà probabilmente ciò che verrà mostrato alla demo, un tablet da 10" con una CPU ARM a 64bit, 2GB di ram e uno schermo hi-res. Gli ultimi sviluppi di Unity 8 e il suo display grafico Mir, consentiranno agli utenti di eseguire il loro software tradizionale come GIMP e LibreOffice, oltre a ovviamente le App create specificatamente per Ubuntu Phone. Vi lascio con un video che mostra lo sviluppo attuale della convergenza:   Fonte. Supporto: Hai bisogno di aiuto? Entra nel nostro forum o nella nostra chat per il supporto tecnico! Puoi anche farlo dalla nostra App! Scaricala da Play Store! Vuoi tenerti aggiornato? Allora seguici sui nostri social Facebook e Twitter!  Ora abbiamo anche un gruppo facebook per i consigli sugli acquisti!  SMARTPHONE AL PREZZO PIÙ BASSO D’ITALIA Cerchi uno Smartphone scontato? Vai su Smartylife e utilizza il codice sconto ITALIAUNIX per gli smartphone e ITAUNIXACCESSORI per gli accessori!   
  8. Per quei pochi che ancora non sapessero di cosa sto parlando, i futuri dispositivi mobili targati Ubuntu avranno al loro interno lo stesso sistema operativo che siamo abituati ad utilizzare sul PC, e la sua interfaccia grafica si adatterà in base al dispositivo connesso, quindi, se collegherete mouse e tastiera ad un tablet da 10" vi ritroverete un normalissimo PC portatile, scollegandoli tornerete ad avere un tablet.   Bq Aquaris M10 Ubuntu Edition sarà probabilmente ciò che verrà mostrato alla demo, un tablet da 10" con una CPU ARM a 64bit, 2GB di ram e uno schermo hi-res. Gli ultimi sviluppi di Unity 8 e il suo display grafico Mir, consentiranno agli utenti di eseguire il loro software tradizionale come GIMP e LibreOffice, oltre a ovviamente le App create specificatamente per Ubuntu Phone. Vi lascio con un video che mostra lo sviluppo attuale della convergenza:   Fonte. Supporto: Hai bisogno di aiuto? Entra nel nostro forum o nella nostra chat per il supporto tecnico! Puoi anche farlo dalla nostra App! Scaricala da Play Store! Vuoi tenerti aggiornato? Allora seguici sui nostri social Facebook e Twitter!  Ora abbiamo anche un gruppo facebook per i consigli sugli acquisti!  SMARTPHONE AL PREZZO PIÙ BASSO D’ITALIA Cerchi uno Smartphone scontato? Vai su Smartylife e utilizza il codice sconto ITALIAUNIX per gli smartphone e ITAUNIXACCESSORI per gli accessori!    Visualizza tutto articolo
  9. Il bug è stato riconosciuto e fixato, ma solo per Ubuntu 15.10 e superiori. Come fare ad aggiustare il problema in una versione precedente, in attesa della nuova LTS? Semplice. Il bug è stato risolto nelle ultime versioni del power manager di XFCE, quindi non ci rimane che installarlo dando da terminale: sudo add-apt-repository ppa:xubuntu-dev/xfce-4.12 sudo apt-get update sudo apt-get install xfce4-power-manager light-locker-settings Ora apriamo il menu e digitiamo "Applicazioni d'avvio" e apriamolo. Tra i pulsanti a destra clicchiamo su "Aggiungi" e sia in Nome che Comando inseriamo la Stringa xfce4-power-manager. Clicchiamo su Salva e chiudiamo. Ora riapriamo il terminale e digitiamo. light-locker-settings Verifichiamo che tutte le impostazioni siano come da immagine. Se Lock on suspend è su Off, attiviamolo e salviamo. Se invece è già su On, disattivatelo, riattivatelo, e salvate comunque. Sei interessato al Gaming su Linux o SteamOS? Perché non leggi la nostra recensione delle Steam Machine? Supporto: Hai bisogno di aiuto? Entra nel nostro forum o nella nostra chat per il supporto tecnico! Puoi anche farlo dalla nostra App! Scaricala da Play Store! Vuoi tenerti aggiornato? Allora seguici sui nostri social Facebook e Twitter!  Ora abbiamo anche un gruppo facebook per i consigli sugli acquisti!  Smartphone scontati Cerchi uno Smartphone scontato? Vai su Smartylife e utilizza il codice sconto ITALIAUNIX per gli smartphone e ITAUNIXACCESSORI per gli accessori!  Visualizza tutto articolo
  10. Il bug è stato riconosciuto e fixato, ma solo per Ubuntu 15.10 e superiori. Come fare ad aggiustare il problema in una versione precedente, in attesa della nuova LTS? Semplice. Il bug è stato risolto nelle ultime versioni del power manager di XFCE, quindi non ci rimane che installarlo dando da terminale: sudo add-apt-repository ppa:xubuntu-dev/xfce-4.12 sudo apt-get update sudo apt-get install xfce4-power-manager light-locker-settings Ora apriamo il menu e digitiamo "Applicazioni d'avvio" e apriamolo. Tra i pulsanti a destra clicchiamo su "Aggiungi" e sia in Nome che Comando inseriamo la Stringa xfce4-power-manager. Clicchiamo su Salva e chiudiamo. Ora riapriamo il terminale e digitiamo. light-locker-settings Verifichiamo che tutte le impostazioni siano come da immagine. Se Lock on suspend è su Off, attiviamolo e salviamo. Se invece è già su On, disattivatelo, riattivatelo, e salvate comunque. Sei interessato al Gaming su Linux o SteamOS? Perché non leggi la nostra recensione delle Steam Machine? Supporto: Hai bisogno di aiuto? Entra nel nostro forum o nella nostra chat per il supporto tecnico! Puoi anche farlo dalla nostra App! Scaricala da Play Store! Vuoi tenerti aggiornato? Allora seguici sui nostri social Facebook e Twitter!  Ora abbiamo anche un gruppo facebook per i consigli sugli acquisti!  Smartphone scontati Cerchi uno Smartphone scontato? Vai su Smartylife e utilizza il codice sconto ITALIAUNIX per gli smartphone e ITAUNIXACCESSORI per gli accessori! 
  11. Ecco la data di rilascio per Ubuntu 16.04 LTS

    La prima LTS è stata rilasciata nel 2006. Ubuntu 16.04 Xenial Xerus includerà Unity 7, il kernel Linux 4.4 e tutte le applicazioni aggiornate all'ultima versione. Unity 8 è, purtroppo, ancora in sviluppo, e probabilmente lo vedremo di default nella prossima LTS.  Come tutte le versioni LTS, Xenial Xerus sarà supportata per 5 anni con continui aggiornamenti, bugfix, patch di sicurezza e supporto per i nuovi hardware. La data di rilascio è stata già scritta nell'Ubuntu Wiki, insieme a tutte le date per le milestone. La versione finale vedrà luce il 21 aprile, durante il ciclo di sviluppo avremo una serie di beta ed alpha: Alpha 1 – December 31st (for flavours)Alpha 2 – January 28th (for flavours)Feature Freeze — February 18thBeta 1 – February 25th (for flavours)UI Freeze — March 10thFinal Beta – March 24thKernel Freeze — April 7thRelease Candidate – April 14thUbuntu 16.04 LTS Final – April 21stNon ci resta che aspettare, sperando che questa versione porti almeno qualche piccola novità rispetto alle versioni precedenti. Fonte.
  12. Intel Graphics Stack 2015Q2 L'Intel Graphics Stack 2015Q2 contiene, come al solito, moltissimi bugfix, feature e un miglioramento generale dei driver 2D e 3D. Ecco alcuni dei cambiamenti: Broadwell and CherryView CPU support now stableWrite-combine CPU memory supportDual-link DSI supportFaster GPU progress trackingImproved Engine initialisation codeOn going Skylake preparationVP9 decoding support (Intel-vaapi-driver)HEVC encoding support (Intel-vaapi-driver)Per scaricare l'installer, per qualunque distribuzione, cliccate il link sottostante: DOWNLOAD INTEL GRAPHICS INSTALLER LINUX 1.2.0 Fonte.
  13. Intel Graphics Stack 2015Q2 L'Intel Graphics Stack 2015Q2 contiene, come al solito, moltissimi bugfix, feature e un miglioramento generale dei driver 2D e 3D. Ecco alcuni dei cambiamenti: Broadwell and CherryView CPU support now stableWrite-combine CPU memory supportDual-link DSI supportFaster GPU progress trackingImproved Engine initialisation codeOn going Skylake preparationVP9 decoding support (Intel-vaapi-driver)HEVC encoding support (Intel-vaapi-driver)Per scaricare l'installer, per qualunque distribuzione, cliccate il link sottostante: DOWNLOAD INTEL GRAPHICS INSTALLER LINUX 1.2.0 Fonte. Visualizza tutto articolo
  14. Quale distro usate?

    Apro questo topic e sondaggio per vedere un po' che distribuzioni usate e preferite  
  15. [ARTICOLO]Linux from Scratch

    Linux from scratch Un saluto a tutti i lettori del forum, oggi voglio parlarvi di Linux from Scratch, un manuale che spiega in dettaglio come creare la propria distribuzione GNU/Linux personalizzata. Attraverso LFS potremo creare una nuova distribuzione che si adatta perfettamente alle nostre esigenze e che è “cucita” appositamente per il nostro hardware. Tutto ciò di cui avremo bisogno è il manuale ed una distro da cui partire. È un lavoro consigliato solamente ad utenti esperti di GNU/Linux in quanto andremo a compilare ogni singolo pacchetto che andrà a comporre il nostro sistema, in questo modo saranno presenti solo i pacchetti di cui avremo effettivamente bisogno, ne più ne meno. Un sistema LFS è utile a chi necessita di una distro completamente personalizzata in ogni dettaglio e anche a chi vuole imparare davvero come funziona un sistema GNU/Linux e da cosa è composto. Il manuale è stato completamente tradotto in Italiano, ed è disponibile gratuitamente come PDF al seguente indirizzo: http://lfs-italia.spaghettilinux.org/ sotto la sezione download. Sempre in questo sito è possibile scaricare tutti i pacchetti di cui avremo bisogno senza andare a cercarli di volta in volta. Per la documentazione in inglese e il resto, è presente il sito web ufficiale del progetto: http://www.linuxfromscratch.org/ . Ricordo infine che il manuale viene costantemente aggiornato ed è quindi disponibile in più versioni. Visualizza tutto articolo
  16. Linux from Scratch

    Linux from scratch Un saluto a tutti i lettori del forum, oggi voglio parlarvi di Linux from Scratch, un manuale che spiega in dettaglio come creare la propria distribuzione GNU/Linux personalizzata. Attraverso LFS potremo creare una nuova distribuzione che si adatta perfettamente alle nostre esigenze e che è “cucita” appositamente per il nostro hardware. Tutto ciò di cui avremo bisogno è il manuale ed una distro da cui partire. È un lavoro consigliato solamente ad utenti esperti di GNU/Linux in quanto andremo a compilare ogni singolo pacchetto che andrà a comporre il nostro sistema, in questo modo saranno presenti solo i pacchetti di cui avremo effettivamente bisogno, ne più ne meno. Un sistema LFS è utile a chi necessita di una distro completamente personalizzata in ogni dettaglio e anche a chi vuole imparare davvero come funziona un sistema GNU/Linux e da cosa è composto. Il manuale è stato completamente tradotto in Italiano, ed è disponibile gratuitamente come PDF al seguente indirizzo: http://lfs-italia.spaghettilinux.org/ sotto la sezione download. Sempre in questo sito è possibile scaricare tutti i pacchetti di cui avremo bisogno senza andare a cercarli di volta in volta. Per la documentazione in inglese e il resto, è presente il sito web ufficiale del progetto: http://www.linuxfromscratch.org/ . Ricordo infine che il manuale viene costantemente aggiornato ed è quindi disponibile in più versioni.
  17. Ecco a voi l'annuncio nella Mailing List di Ubuntu.    Qui in basso trovate tutti i download, e i relativi changelog. Kubuntu 15.10 Alpha 2 - ChangelogLubuntu 15.10 Alpha 2 - ChangelogUbuntu MATE 15.10 Alpha 2 - ChangelogUbuntu Kylin 15.10 Alpha 2 - ChangelogUbuntu Cloud 15.10 Alpha 2Ubuntu Desktop 15.10 Alpha 2Potete avere maggiori informazioni leggendo il post completo. Se desiderate ricevere aggiornamenti continui sullo sviluppo di Ubuntu 15.10 e tutte le sue derivate, vi consiglio di iscrivervi alla mailing list ubuntu-devel-announce a QUESTO INDIRIZZO.     Visualizza tutto articolo  
  18. Rilasciato Ubuntu 15.10 Wily Werewolf Alpha 2

    Ecco a voi l'annuncio nella Mailing List di Ubuntu.    Qui in basso trovate tutti i download, e i relativi changelog. Kubuntu 15.10 Alpha 2 - ChangelogLubuntu 15.10 Alpha 2 - ChangelogUbuntu MATE 15.10 Alpha 2 - ChangelogUbuntu Kylin 15.10 Alpha 2 - ChangelogUbuntu Cloud 15.10 Alpha 2Ubuntu Desktop 15.10 Alpha 2Potete avere maggiori informazioni leggendo il post completo. Se desiderate ricevere aggiornamenti continui sullo sviluppo di Ubuntu 15.10 e tutte le sue derivate, vi consiglio di iscrivervi alla mailing list ubuntu-devel-announce a QUESTO INDIRIZZO.  
  19. Ubuntu-tweak non funziona

    Salve ragazzi e perdonate la mia lunga assenza, ho un problema sul mio netbook, ho installato Mint 17.1 Mate, stamattina ho provato ad installare Ubuntu-Tweak per tenerlo pulito, ovviamente con ppa e tutto, ma quando ci clicco sù non funziona, appare la schermata di ubuntu-tweak e si chiude e non parte, da cosa può dipendere?
  20. Ciao ragazzi, siete dei grandi..vi seguo da molto e alla fine ho deciso di scaricare ubuntu 13.10...però ho fatto un grande errore: invece di patizionare il disco l'ho installato sopra windows (che adesso mi poteva servire)... Allora ho provato ad installare in ille modi tor e tor browser bundle, ma mai ci sono riuscito... All'inizio ho scaricato il tutto dal Software Center, ma quando aprivo Vidalia non andava dicendomi che era impossibile collegarsi a tor e di controllare se il percorso per l'eseguibile era giusto. Dopo ho provato da terminale con le 30000 di guide che ci sono su interent, ma senza mai riuscire a farlo partire.. Alla fine trovo uno che dice di scaricare Tro-browser perchè torproject facendo questo ha fatto un favore a noi utenti linux...allora l'ho scaricato, scompattato e messo sulla scrivania, ma appena sono andato a lanciare tor-browser mi sono accorto che lo leggeva come file eseguibile , ma lo apriva solo con gedit!!!e mi sono incazzato....allora ho provato a farlo partire da terminale, ma niente di niente... Alla fine ho deciso di mandare via la versione 13.10 e prendere la 13.04, ma volevo farlo con la penn usb...allora vado a scaricare unebottini per linux e che succede? lo stesso...il file è eseguibile, ma lo apre solo con gedit......... Raga io devo mettere tante cose su questo sistema operativo...ho molto lavoro...ho aperto anche un sito di controcultura su tor, ma non so cosa fare.....ho l'urgenza di entrare in tor e l'urgenza di capire il perchè non legge gli eseguibili... sul sito gli altri webmaster mi stanno aspettando perchè devo fare un pò di lavori (un pò è solo per dire).. Mi aiutate?....scusate il poema!ù Totò
  21. Da qualche giorno mi compare in alto nelle icone uno sbirulino rosso di avvertimento, clicco e mi dice di fare l'aggiornamento, vado ma ricevo questo errore W:Failed to fetch bzip2:/var/lib/apt/lists/partial/it.archive.ubuntu.com_ubuntu_dists_precise-updates_multiverse_source_Sources Hash Sum mismatch , E:Some index files failed to download. They have been ignored, or old ones used instead. ma tutto funziona
  22. Negli ultimi aggiornamenti dei driver proprietari Nvidia sono stati introdotte funzioni che ne migliorano le performance. La tecnologia Optimus ci permette di utilizzare due schede grafiche nel proprio portatile, una integrata e una dedicata (per i giochi, editing video e grafico ecc...). Per migliorare il supporto troviamo il tool Nvidia Prima che va ad ottimizzare le prestazioni grafiche e l'autonomia del computer. Per installare Nvidia Prime e driver Nvidia digitate nel terminale: sudo apt-get install nvidia-319 nvidia-settings-319 nvidia-prime Ora riavviate la macchina. Se nel vostro pc è già installato Bumblebee dovrete rimuoverlo digitando nel terminale: sudo apt-get purge bumblebee* bbswitch-dkms Ora procedete con l'installazione di Nvidia Prime e driver Nvidia Questo messaggio è stato promosso ad articolo
  23. sul mio consiglio mio cugino installerà Ubuntu su un PC molto vecchio che però non ha la connessione internet disponibile. esiste poi qualche sistema per poter installare i vari aggiornamenti senza avere la connessione? grazie
  24. Backup & Sync

    Ciao Ragazzi, prima di andare a sbevazzare vi lascio un quiz Dopo aver provato la funzione di backup integrata di Ubuntu, che non mi piace perchè non mi lascia i file interi e singoli, ho installato rsync che invece mi sembra perfetto (ma sto provando ora). Vorrei poi riuscire ad utilizzarlo anche per poter fare un backup del mio sito, via FTP ho trovato questa guida http://www.fabrix.org/mn/?tag=rsync-backup-sito-aruba-informaticalibera cosa ne dite? provo tranquillo? Grassie
  25. MIR ed il problema del CLA

    L'hacker del kernel linux Matthew Garret in un suo recente post racconta la sua paura riguardo la scielta di licenze da parte di Canonical per il server grafico MIR. Matthew nel suo articolo afferma il proprio scetticismo riguardo la combinazione di licenza GPLv3 e Ubuntu Contributor's License Agreement in quanto concederebbe a Canonical di poter modificare la licenza non solo del proprio software ma anche di tutto il software derivato dal fork di MIR. Tutto ciò secondo quanto afferma Garret potrebbe essere uno svantaggio per il software libero nel caso canonical decidesse di cambiare licenza con una proprietaria o decidesse di pubblicare sotto licenza closed software modificato da altre aziende dietro pagamento, ma nel caso in cui Canonical decida di non modificare la licenza neanche per altre aziende paganti l'open software ne trarrebbe guadagno in quanto tutto il software derivato dai fork di MIR verrebbe rilasciato esclusivamente sotto licenza GPLv3 così da non permettere alle altre aziende di rilasciare software propietario, per la felicità di R.M.S. In sintesi sta a Canonical decidere di favorire il free software o di penalizzarlo. Fonti: http://mjg59.dreamwidth.org/25376.html http://www.phoronix....item&px=MTM5MjI Approfondimenti: http://www.gnu.org/l...guide-gplv3.htm http://www.canonical...HA-CLA-ANY-I.pd http://en.wikipedia....cense_Agreement Questo messaggio è stato promosso ad articolo