This site uses cookies! Learn More

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner.

Visualizza dettagli: italiaunix.com/cookies

Per proseguire con la navigazione del sito, devi accettare di utilizzare i nostri cookie :)

Daniele Garau

SuperWriter
  • Numero contenuti

    6
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su Daniele Garau

  • Rank
    Nuovo utente

Profile Information

  • Sesso Maschile
  • Sistema operativo Ubuntu
  • Ambiente Grafico GNOME
  1. Gabe Newell, da Windows a SteamOS

    Che Microsoft Windows sia il sistema operativo protagonista del videogioco su PC è innegabile, praticamente tutti i giochi hanno una versione Windows, e con l'arrivo di SteamOS la situazione non pare mutata di molto, anche se è ancora presto per pensare di tirare le somme. È però interessante chiedersi chi ha permesso tutto questo? Scrutando nel passato, a metà anni 90, possiamo osservare un uomo dedito alla produzione delle prime tre versioni di Windows, il responsabile è proprio lui, Gabe Newell.   Newell spinse nel rendere il nuovo OS di Microsoft il fulcro di tutto, cominciando a lavorare al porting di Doom e dimostrando infine che Windows poteva essere un buon sistema per lo sviluppo di videogiochi. Tutto ciò vi ricorda qualcosa? Esatto, è quello che sta accadendo ora col sistema libero GNU/Linux, da sempre snobbato dagli sviluppatori ma che ora, grazie nuovamente a GabeN, pare essere l'OS più probabile come erede. Le voci ridicolizzavano il sistema, definendolo inadatto come base di sviluppo per la grafica, pagine e pagine di commenti che lo ritenevano inappropriato per qualsivoglia ragione, sta di fatto che ora è tutto sul mercato. Valve (la software house di Gabe) ha costruito un impero grazie alla piattaforma Steam, che domina il mercato PCista, grazie anche a questo si è potuto spingere sull'acceleratore, proponendo le Steam Machine, PC compatti che permettono la fruizione di Steam semplicemente tirandoli fuori dalla scatola e collegandoli alla presa elettrica, macchine accomunate appunto da SteamOS, una distribuzione Linux mantenuta da Valve stessa. Newell disse che la gente non realizza quanto i videogiochi siano influenti nella scelta di un sistema per un utente, e forse è stata proprio Microsoft a scatenare questa voglia di cambiamento ingorando questa cosa, snobbando per anni il mercato PC in favore della sua console Xbox, creando un vero e proprio effetto a catena che ha per anni maledetto il computer, rendendolo la piattaforma secondaria per gli sviluppatori. La situazione ad oggi è molto diversa, la volontà di Valve e di molti altri sviluppatori si è fatta sentire, il PC è protagonista del mercato e parallelamente GNU/Linux si è completamente rivoluzionato, i principali produttori di scheda grafiche hanno migliorato i driver, diversi titoli tripla A sono approdati, e solo il futuro potrà dirci cos'altro arriverà. I giocatori Linux non sono moltissimi stando alle percentuali di mercato, e c'è chi fa giustamente notare che mancano all'appello molti fra i giochi più recenti e commerciali. C'è però da considerare che siamo solo all'inizio, in pochi anni una personalità come Gabe Newell ha dato prova della sua influenza ed esperienza nell'ambito, creando un vero e proprio concorrente pronto a minacciare il monopolio di Windows.
  2. [ARTICOLO]Gabe Newell, da Windows a SteamOS

    Che Microsoft Windows sia il sistema operativo protagonista del videogioco su PC è innegabile, praticamente tutti i giochi hanno una versione Windows, e con l'arrivo di SteamOS la situazione non pare mutata di molto, anche se è ancora presto per pensare di tirare le somme. È però interessante chiedersi chi ha permesso tutto questo? Scrutando nel passato, a metà anni 90, possiamo osservare un uomo dedito alla produzione delle prime tre versioni di Windows, il responsabile è proprio lui, Gabe Newell. Newell spinse nel rendere il nuovo OS di Microsoft il fulcro di tutto, cominciando a lavorare al porting di Doom e dimostrando infine che Windows poteva essere un buon sistema per lo sviluppo di videogiochi. Tutto ciò vi ricorda qualcosa? Esatto, è quello che sta accadendo ora col sistema libero GNU/Linux, da sempre snobbato dagli sviluppatori ma che ora, grazie nuovamente a GabeN, pare essere l'OS più probabile come erede. Le voci ridicolizzavano il sistema, definendolo inadatto come base di sviluppo per la grafica, pagine e pagine di commenti che lo ritenevano inappropriato per qualsivoglia ragione, sta di fatto che ora è tutto sul mercato. Valve (la software house di Gabe) ha costruito un impero grazie alla piattaforma Steam, che domina il mercato PCista, grazie anche a questo si è potuto spingere sull'acceleratore, proponendo le Steam Machine, PC compatti che permettono la fruizione di Steam semplicemente tirandoli fuori dalla scatola e collegandoli alla presa elettrica, macchine accomunate appunto da SteamOS, una distribuzione Linux mantenuta da Valve stessa. Newell disse che la gente non realizza quanto i videogiochi siano influenti nella scelta di un sistema per un utente, e forse è stata proprio Microsoft a scatenare questa voglia di cambiamento ingorando questa cosa, snobbando per anni il mercato PC in favore della sua console Xbox, creando un vero e proprio effetto a catena che ha per anni maledetto il computer, rendendolo la piattaforma secondaria per gli sviluppatori. La situazione ad oggi è molto diversa, la volontà di Valve e di molti altri sviluppatori si è fatta sentire, il PC è protagonista del mercato e parallelamente GNU/Linux si è completamente rivoluzionato, i principali produttori di scheda grafiche hanno migliorato i driver, diversi titoli tripla A sono approdati, e solo il futuro potrà dirci cos'altro arriverà. I giocatori Linux non sono moltissimi stando alle percentuali di mercato, e c'è chi fa giustamente notare che mancano all'appello molti fra i giochi più recenti e commerciali. C'è però da considerare che siamo solo all'inizio, in pochi anni una personalità come Gabe Newell ha dato prova della sua influenza ed esperienza nell'ambito, creando un vero e proprio concorrente pronto a minacciare il monopolio di Windows. Visualizza tutto articolo
  3. Hardware Steam e nuove uscite

    L'hardware Steam è finalmente disponibile sul mercato, con un coraggioso Steam Controller che potrebbe stravolgere (o meno) il nostro approccio al videogioco, dei PC mini-ITX più semplici che mai per iniziare a giocare (le Steam Machine) ed un dispositivo streaming, lo Steam Link, che cambierà le abitudini e le postazioni di gioco nelle case di molti. [Qui una panoramica del tutto] In contemporanea con tutto ciò sono state pubblicate su Steam le versioni SteamOS di Magika 2 e, quasi inaspettatamente, di Grow Home, il primo titolo Ubisoft a sbarcare quindi sul sistema GNU/Linux. Per concludere consiglio di dare un'occhiata ai titoli scontati con l'inaugurazione delle Steam Machine! [Potete trovarli qui]
  4. [ARTICOLO]Hardware Steam e nuove uscite

    L'hardware Steam è finalmente disponibile sul mercato, con un coraggioso Steam Controller che potrebbe stravolgere (o meno) il nostro approccio al videogioco, dei PC mini-ITX più semplici che mai per iniziare a giocare (le Steam Machine) ed un dispositivo streaming, lo Steam Link, che cambierà le abitudini e le postazioni di gioco nelle case di molti. [Qui una panoramica del tutto] In contemporanea con tutto ciò sono state pubblicate su Steam le versioni SteamOS di Magika 2 e, quasi inaspettatamente, di Grow Home, il primo titolo Ubisoft a sbarcare quindi sul sistema GNU/Linux. Per concludere consiglio di dare un'occhiata ai titoli scontati con l'inaugurazione delle Steam Machine! [Potete trovarli qui] Visualizza tutto articolo
  5. Come annunciato qualche giorno fa sul sito ufficiale Feral Interactive (software house responsabile dei porting) le versioni OSX e GNU/Linux dell'ultimo gioco sul Cavaliere Oscuro subiranno un ritardo fino a primavera 2016, evento ampiamente prevedibile, visti i problemi che affliggono la versione Windows di Batman: Arkham Knight.   Non resta che pazientare godendoci il trailer, e sperare che Rocksteady Studios sistemi efficacemente il gioco in vista dei porting.   Visualizza tutto articolo
  6. Batman: Arkham Knight rimandato al 2016

    Come annunciato qualche giorno fa sul sito ufficiale Feral Interactive (software house responsabile dei porting) le versioni OSX e GNU/Linux dell'ultimo gioco sul Cavaliere Oscuro subiranno un ritardo fino a primavera 2016, evento ampiamente prevedibile, visti i problemi che affliggono la versione Windows di Batman: Arkham Knight.   Non resta che pazientare godendoci il trailer, e sperare che Rocksteady Studios sistemi efficacemente il gioco in vista dei porting.