This site uses cookies! Learn More

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner.

Visualizza dettagli: italiaunix.com/cookies

Per proseguire con la navigazione del sito, devi accettare di utilizzare i nostri cookie :)

Cthulhu

SuperWriter
  • Numero contenuti

    16
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su Cthulhu

  • Rank
    Membro
  • Compleanno October 26

Profile Information

  • Sesso Maschile
  • Interessi Appassionato di videogiochi, di hardware e di birra. Il trio perfetto.
  • Sistema operativo Windows
  1. [ARTICOLO]Google cambia volto: ecco Alphabet Inc.

    E il supermultone della UE!
  2. A poche ore dal lancio di Alphabet già si manifestano i primi problemi. Ma Google non centra nulla: la casa automobilistica Bmw infatti è la detentrice del marchio Alphabet, sua filiale che si occupa di leasing e di car sharing.  La portavoce di Bmw, Micaela Sandstede, mette subito in chiaro che la casa tedesca non intende cedere il nome, anche se l'ultima parola è del United States Patent and Trademark Office, l'organismo deputato al rilascio dei brevetti e dei trademark. Infatti negli Usa esistono ben 103 marchi registrati nominati "Alphabet", e l'unica via perchè Bmw la spunti sarebbe dimostrare che il marchio Google crea confusione tra i consumatori. Vi terremo aggiornati sugli sviluppi di questa curiosa vicenda! Visualizza tutto articolo
  3. A poche ore dal lancio di Alphabet già si manifestano i primi problemi. Ma Google non centra nulla: la casa automobilistica Bmw infatti è la detentrice del marchio Alphabet, sua filiale che si occupa di leasing e di car sharing.  La portavoce di Bmw, Micaela Sandstede, mette subito in chiaro che la casa tedesca non intende cedere il nome, anche se l'ultima parola è del United States Patent and Trademark Office, l'organismo deputato al rilascio dei brevetti e dei trademark. Infatti negli Usa esistono ben 103 marchi registrati nominati "Alphabet", e l'unica via perchè Bmw la spunti sarebbe dimostrare che il marchio Google crea confusione tra i consumatori. Vi terremo aggiornati sugli sviluppi di questa curiosa vicenda!
  4. "Google non è una compagnia convenzionale. E non intendiamo diventarne una". Così Larry Page, attuale CEO di Google, apre la dichiarazione ufficiale nella quale dichiara che la sua compagnia sta andando indubbiamente bene, arrivando a risultati che undici anni fa, quando venne fondata Google, erano impensabili: "molte di quelle che sembravano follie ora hanno oltre un miliardo di utenti, come Google Maps, Youtube, Chrome e Android". E ora passa alle rifiniture: infatti, per rendere Google "più pulita e più affidabile" si è deciso di creare Alphabet, una vera e propria compagnia che assorbirà Google, ritenendola come sussidiaria. Non si tratta quindi di un rebranding, ma proprio di una ristrutturazione totale e dalle fondamenta. Prosegue: "Cos'è Alphabet? Alphabet è sopratutto una raccolta di società". Porterà infatti avanti i progetti secondari della fu Google, come l'automobile senza pilota, o progetti medici meno conosciuti come Calico, che studia come aumentare la durata della vita dell'uomo. Questo cambiamento radicale servirà infatti a far continuare queste realtà in modo indipendente e con amministrazioni autonome. A capo di questa gigantesca macchina ci saranno diversi amministratori delegati con Larry Page e Sergey Brin a coordinare le operazioni, mentre il CEO della ridimensionata Google sarà Sundar Pichai, l'attuale product chief. Nel lato borsistico utte le azioni attuali di Google verranno convertite in Alphabet, e le due realtà coesisteranno con due sigle diverse a Nasdaq: GOOGL e GOOG. Infine, Page delinea i vantaggi principali di questa ristrutturazione: "Portare a termine cose più ambizioseAvere una maggiore visione a lungo termineRafforzare i grandi imprenditori e permettere alle compagnie di fiorireInvestire in proporzione alle opportunità e alle risorse che vediamoMigliorare la trasparenza e l'obiettivo di ciò che facciamoRendere Google anche migliore attraverso un focus più forteE, sperando...come risultato di tutto questo, migliorare le vite di quante più persone riusciamo."E chiude la dichiarazione dicendo: "Cosa potrebbe andare meglio? Nessuno stupore se siamo elettrizzati di lavorare con tutta la famiglia Alphabet. E non preoccupatevi, anche noi dobbiamo abituarci al nome!" Insomma, grandi novità in vista, e non sembrano esserci svantaggi all'orizzonte.   Salutiamo mamma Google, e vedremo quando Alphabet inizierà a farsi valere.   Fonte.   Visualizza tutto articolo  
  5. Google cambia volto: ecco Alphabet Inc.

    Così Larry Page, attuale CEO di Google, apre la dichiarazione ufficiale nella quale dichiara che la sua compagnia sta andando indubbiamente bene, arrivando a risultati che undici anni fa, quando venne fondata Google, erano impensabili: "molte di quelle che sembravano follie ora hanno oltre un miliardo di utenti, come Google Maps, Youtube, Chrome e Android". E ora passa alle rifiniture: infatti, per rendere Google "più pulita e più affidabile" si è deciso di creare Alphabet, una vera e propria compagnia che assorbirà Google, ritenendola come sussidiaria. Non si tratta quindi di un rebranding, ma proprio di una ristrutturazione totale e dalle fondamenta. Prosegue: "Cos'è Alphabet? Alphabet è sopratutto una raccolta di società". Porterà infatti avanti i progetti secondari della fu Google, come l'automobile senza pilota, o progetti medici meno conosciuti come Calico, che studia come aumentare la durata della vita dell'uomo. Questo cambiamento radicale servirà infatti a far continuare queste realtà in modo indipendente e con amministrazioni autonome. A capo di questa gigantesca macchina ci saranno diversi amministratori delegati con Larry Page e Sergey Brin a coordinare le operazioni, mentre il CEO della ridimensionata Google sarà Sundar Pichai, l'attuale product chief. Nel lato borsistico utte le azioni attuali di Google verranno convertite in Alphabet, e le due realtà coesisteranno con due sigle diverse a Nasdaq: GOOGL e GOOG. Infine, Page delinea i vantaggi principali di questa ristrutturazione: "Portare a termine cose più ambizioseAvere una maggiore visione a lungo termineRafforzare i grandi imprenditori e permettere alle compagnie di fiorireInvestire in proporzione alle opportunità e alle risorse che vediamoMigliorare la trasparenza e l'obiettivo di ciò che facciamoRendere Google anche migliore attraverso un focus più forteE, sperando...come risultato di tutto questo, migliorare le vite di quante più persone riusciamo."E chiude la dichiarazione dicendo: "Cosa potrebbe andare meglio? Nessuno stupore se siamo elettrizzati di lavorare con tutta la famiglia Alphabet. E non preoccupatevi, anche noi dobbiamo abituarci al nome!" Insomma, grandi novità in vista, e non sembrano esserci svantaggi all'orizzonte.   Salutiamo mamma Google, e vedremo quando Alphabet inizierà a farsi valere.   Fonte.
  6. Sono nuovo

    Buonasera!
  7. Buongiorno a tutti!

    Sono Sam, 19enne di Bologna con la passione per l'hardware, soprattutto pc, e suo vario smanettamento!  Vengo qua per acculturarmi un po', che male non fa Pace!