This site uses cookies! Learn More

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner.

Visualizza dettagli: italiaunix.com/cookies

Per proseguire con la navigazione del sito, devi accettare di utilizzare i nostri cookie :)

  • Chi è in chat

    Al momento non ci sono utenti nella chat room

Accedi per seguire questo  
Followers 0

Intervista ad Antonio Cantaro del Majorana di Gela

   (0 recensioni)

Kryuko.sh

Ed eccoci finalmente, dopo tanto tempo, con un'altra intervista, questa volta al professore Antonio Cantaro dell'istituto Majorana di Gela, buona lettura! ;)

Alcuni nostri utenti sicuramente non la conoscono e non conoscono il Majorana. Ci può dire brevemente chi siete?

Prima di iniziare un saluto a tutti gli utenti di italiaunix. Il Majorana è una scuola superiore statale per geometri e servizi sociali. Il Majorana è anche il nostro portale no-profit che offre, in forma rigorosamente libera e gratuita, manuali, diverse centinaia di videoguide in italiano e software anche portable autprodotto. Porta avanti una politica di diffusione del Software Libero, Open Source e Free. Tratta l’informatica, quale strumento al servizio dell’umanità e liberamente fruibile per una piena libertà informatica. Le videoguide autoprodotte sono pubblicate dai maggiori siti ufficiali: Ubuntu, OpenOffice, Gimp, Mozilla Italia, Macrium, ecc... Le guide sono relative sia al sistema operativo Linux-Ubuntu, quanto a Windows. Sono il fondatore del sito e provvedo al suo mantenimento ed aggiornamento. Il sito riceve circa 50.000 visite giornaliere, quindi sono molto soddisfatto:

http://www.istitutomajorana.it

Può raccontarci brevemente la vicenda (fortunatamente risolta) dello smembramento del Majorana?

Le solite italianate. Una sconsiderata azione politica, priva di buon senso, del tutto arbitraria ed in contrasto con le linee legislative, voleva che il Majorana, di Gela, chiudesse, i battenti. Come ben sapete, con la crisi bisogna risparmiare. Quindi le scuole con meno di 600 alunni si debbono accorpare con altre scuole più grandi. Il Presidente della Provincia di Caltanissetta, in modo del tutto arbitrario, illogico, contro le direttive legislative e contro il parere tecnico della stessa Provincia, aveva deciso di smembrare la scuola più grande (la nostra) che era l’unica pienamente in regola col numero di studenti iscritti, per poi regalarla, a pezzi, alle altre scuole che invece erano sotto i numeri minimi previsti dalla normativa. Dopo una lunga battaglia grazie alla mobilitazione di tantissime persone con la ferma, composta e convinta protesta condotta dai docenti, personale ATA, studenti e famiglie e parti della società gelese, ma soprattutto grazie alle molte migliaia di e-mail di protesta scritte dal popolo web (che ringrazio), abbiamo definitivamente salvato l'Istituto Majorana da un ingiusto smembramento. Ecco i dettagli:

http://www.istitutomajorana.it/index.php?option=com_content&task=view&id=1640&Itemid=33

Come vi è venuto in mente di far passare la vostra scuola a GNU/Linux? Com'è iniziato tutto?

Un giorno, girovagando in rete incappai, per caso, in una pagina web: Why Linux is better (http://www.whylinuxisbetter.net). Non ci crederete ma fu "amore a prima vista". La prima cosa che feci, fu quella di riprendere quella pagina, tradurla per bene in italiano, ampliarla, arricchirla e renderla graficamente più accattivante: http://www.istitutom...inux/index.html . Questo accadeva circa 4 anni or sono. Ma tutto è iniziato nell’ottobre del 2007, quando sono venuto a conoscenza che la nostra scuola era in procinto di ricevere una fornitura di computer per la nuova aula d'informatica. L’allora nuovo Dirigente scolastico, Prof. Vito Parisi, venuto a conoscenza delle mie competenze nel settore, mi chiese di dare un'occhiata al contratto di fornitura. Erano previsti un totale di otto computer con relativo software a pagamento. Troppo pochi per avere un'aula in grado di ospitare una classe. Sapete com'è finita? Con gli stessi soldi, grazie anche al vincitore della gara, Sig. Barone di Gela, i computer sono diventati ben 16 (dico sedici) e quindi in grado di soddisfare appieno i bisogni di un'intera classe. Vi chiederete come abbiamo fatto. Semplice, abbiamo sostituito tutto il software a pagamento previsto dalla fornitura (che poi non era neppure molto, sempre per questioni economiche) con software libero e gratuito. Quindi abbiamo ottenuto il raddoppio delle postazioni computer. Dopo qualche mese la scuola ha acquistato 20 portatili. Secondo voi, come sono equipaggiati?... La risposta mi sembra ovvia software libero ed open source!

Siete riusciti a far passare l'intero comune di gela a GNU/Linux?

Diciamo che un certo numero di funzionari, grazie a dei corsi tenuti loro gratuitamente (da me), ormai utilizzano con piacere e competenza il software libero, sia in ambiente lavorativo che domestico. Per far migrare l’intera amministrazione comunale al software libero servirebbe un grosso impegno da parte mia, ma, purtroppo, il tempo è tiranno e sono terribilmente solo. Dire che il Sindaco sarebbe pienamente d’accordo.

Da quanto tempo lavora al Majorama?

Da una quindicina d’anni insegno al Majorana (topografia).

Da quanti anni utilizza GNU/Linux?

Da circa 5 anni. Fu proprio una trasmissione RAI (Report) che mi diede l’input all’utilizzazione del software libero a scuola. Ecco il filmato:

http://www.istitutomajorana.it/player/Risparmio_digitale-Rai3.html

Prima di creare Ubuntu Plus Remix quali distribuzioni usava?

Utilizzavo Windows XP.

Come vi è venuta l'idea di fare un remix di Ubuntu?

Semplicemente per avere Ubuntu in una versione italiana, già configurata per gli effetti grafici e ricca di software. In tal modo è possibile installare tutto quanto può servire all’utente medio nel giro di 10 minuti, anche senza connessione internet. La cosa è utile per gli utenti poco esperti che non saprebbero come fare, ma anche per gli utenti esperti che trovando tutto pronto risparmio un bel poco di tempo. Inoltre i miei alunni possono sperimentare come voglio e se proprio dovessero distruggere Ubuntu (cosa molto difficile), allora lo reinstallano prima della fine della lezione e, grazie alla Plus Remix, rimettono tutto a posto in men che non si dica.

Cosa ne pensa di Ubuntu 12.04?

Prima di dare giudizi, aspetterei l’uscita della versione stabile (ad aprile). In ogni caso se ne parla già abbastanza bene e si spera che sia una buona versione anche perchè è una LTS (supporto a lungo termine). Sto già sperimentando alcune cosette per renderla più vicina (nella mia versione Plus Remix) alle abitudini degli utenti appassionati a GNOME 2.

Molti utenti GNU/Linux sono talmente attaccati all'opensource, che criticano sempre Apple anche dove non ce n'è bisogno, lei cosa ne pensa di osx e del mondo Apple in generale?

Non mi sento di esprimersi sul mondo Apple in quanto non lo conosco. Posso dire che l’insieme, hardware software, da loro visto come un tuttuno, se da un lato toglie la flessibilità d’utilizzazione, dall’altra offre una stabilità indiscutibile. Peccato che i costi siano elevato e non alla portata di tutti. In ogni caso parlamo di prodotti di ottima fattura e qualità.

Ultima domanda, cosa ne pensa di ItaliaUnix?

Il sito si presenta graficamente gradevole, ordinato e sobrio; offre, conseguentemente, una buona navigabilità. L'idea di trattare sistemi GNU/Linux e SO X (MAC) è originale ed arguta. Tra l’altro sono sistemi che hanno antenati comuni e quindi per certi versi simili. Siete ancora all’inizio, ma sono certo che crescerete in breve tempo: in bocca al lupo.

Grazie per l’attenzione che mi avete dedicato. Porgo un cordiale saluto a tutti. Antonio.


  Segnala Articolo
Accedi per seguire questo  
Followers 0


Feedback utente

There are no reviews to display.