This site uses cookies! Learn More

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner.

Visualizza dettagli: italiaunix.com/cookies

Per proseguire con la navigazione del sito, devi accettare di utilizzare i nostri cookie :)

  • Chi è in chat

    Al momento non ci sono utenti nella chat room

Intervista a SHADOW LIONHEART

   (0 recensioni)

Kryuko.sh

Un'altra intervista dallo Staff di ItaliaUnix! Questa volta abbiamo intervistato SHADOW LIONHEART, se non lo conoscete, beh, leggete l'intervista! ;)

Kronos: Bene! Presentati a ItaliaUnix

SHADOW LIONHEART: Piacere, sono Valentino Francesco Mannara, tecnico informatico e sostenitore dell'Open Source da diversi anni. Praticamente è dal 2007 che da quando ho conosciuto Ubuntu da lì mi sono inoltrato nell'universo del software libero dove ho voluto approfondire diversi aspetti nell'ambito. Come ho scritto nel forum fino a Maggio 2006 abitavo a Milano, visto che ci sono nato e cresciuto. Ero un tecnico esterno per conto di un centro Asus di Milano, quindi venendo in Sicilia mi sono messo per conto mio.

Stardust_95: Bene.

Quindi fai il tecnico in sicilia, di cosa si occupa la tua impresa?

SHADOW LIONHEART: assistenza e consulenza informatica, servizi di assistenza remota e soluzioni studiate per privati, aziende, pubbliche amministrazioni e scuole, oltre a servizi di grafica pubblicitaria e web design.

Kronos: Abbiamo letto che stai portanto avanti vari progetti riguardanti l'opensource, potresti parlarci di tutti questi tuoi progetti? E del tuo nuovo sito opensource-oriented?

SHADOW LIONHEART: Sì. il progetto denominato "Open Source Point ©", il cui logo è progetto sono già protetti da Copyright. Praticamente è un iniziativa tutta nuova che permetterà la diffusione del software Open Source con centri specializzati che avranno l'aria di un negozio/studio, in cui ci saranno appunto soluzioni informatiche per tutti utilizzando quasi esclusivamente software Open. Tale negozio avrà anche la funzione d'internet point utlizzando una distro GNU/Linux per permettere ai clienti di navigare in totale sicurezza garantendo la privacy e la riservatezza dei loro dati, cosa che con Windows non è assolutamente possibile. Così facendo tali computer serviranno allo stesso tempo a dimostrare l'efficacia del software Open Source a differenza del costoso e poco vantaggioso software proprietario. Ma questo che è ho spiegato è solo la punta dell'iceberg. Questi centri saranno i primi della storia a fornire un contatto diretto con la gente che permetterà loro di conoscere a livello effettivo tutto quello che fino adesso nessuno sapeva, ovvero che ci sono delle validissime alternative e ch,e per colpa di commercio senza scrupoli da parte delle aziende del software proprietario, molti non conoscono.

Specialmente in Italia poi, dove la disinformazione e l'ignoranza sotto l'aspetto innovativo e tecnologico dilagano, è necessario quindi intraprendere appunto un iniziativa come questa. Fino adesso alla gente è stato impedito di scegliere. Mentre con il mio progetto metto tutti nelle condizioni di sceglier cosa usare e cosa non usare senza che il pubblico sia continuamente manipolato da una pubblicità spietata che vuole tenere la gente all'oscuro di altre cose di gran lunga migliori, specialmente in questi tempi di crisi. Proprio perché c'è la crisi non è ne giusto e ne corretto che debbano scucire fior di soldi facendo perfino debiti... quando hanno la possibilità di risparmiare almeno dal 40% al 60% grazie all'assenza del software proprietario che ben conosciamo.

Quindi il progetto sarà un nuovo Franchising che inizierà in Italia, poi all'estero. Permetterò così ad altri professionisti del software, Open e non, di creare questi centri e con una buona formazione di poter guadagnare grazie al software Open esclusivamente vendendo i soli servizi professionali senza pagare il software. In questo modo tutti potranno finalmente constatare gli immensi benefici dell'Open Source coi vantaggi della convenienza, stabilità, sicurezza e sopratutto libertà di scelta grazie ad un adeguata consulenza e informazioni fornite in maniera professionale. Insomma, il cliente ha il pieno diritto di essere informato. l'onestà è senza alcun ombra di dubbio la migliore politica e cercando quindi il vantaggio del cliente è inevitabile che quindi il cliente se ne accorge, di conseguenza a chi glielo fa fare al cliente di adottare altre soluzioni? Vi pare?

Stardust_95: Beh, non è un progettino-ino-ino XD

SHADOW LIONHEART: Esatto. Ma è quello che serve oggi.

Stardust_95: Hai completamente ragione.

Ora che ci ha gentilmente spiegato il suo progetto, puoi raccontarci la tua Esperienza GNU/Linux?

hai detto che è iniziata nel 2007

SHADOW LIONHEART: Esatto

Stardust_95: hai mai avuto cambi di distribuzione, lamentele su Ubuntu ecc.?

SHADOW LIONHEART: Ho iniziato con Ubuntu 8.10 anche se mi attraeva usare una versione LTS come la vecchia e gloriosa versione 8.04. Da lì poi ho seguito gli aggiornamenti semestrali fino ad arrivare alle famosa versione 10.04 LTS Lucid Lynx che mi ha dato grandi soddisfazioni in ternini di velocità e stabilità. Tuttavia ho cominciato ad avere qualche disappunto dalla 10.10 in poi ma con la 11.04 in poi e con l'intruduzione di Unity ho cominciato a storcere il naso. Unity è ancora un progetto un pò acerbo anche se comunque comprendo che non è ancora maturo, bisogna infatti vedere il risultato finale per dare un giudizio pieno. Quando però ho riscontrato che i miei clienti non si trovavano più con la 11.04 e 11.10 ho cominciato a proporre Linux Mint 11 e 12. Linux Mint mi è sempre piaciuta per la sua semplicità e stabilità, infatti i miei clienti hanno preferito quest'ultima distro ad altre.

La uso spesso pure io, anche se per un chiaro uso aziendale faccio affidamento attualmente a openSUSE 12.1 KDE.

Nell'ambito server preferisco di gran lunga Debian ma prevedo di provare la prossima 12.04 di Ubuntu appunto per server.

Stardust_95: quindi in fondo in fondo nel suo cuore c'è un ingranaggio :D

SHADOW LIONHEART: Esatto, sono in continua evoluzione. Mi mantengo aggiornato continuamente. Non rimango mai lo stesso, anzi, amo i cambiamenti. Guai se non ci fossero. Un professionista che si rispetti deve mostrare a sua volta d'innovarsi, altrimenti come può farlo verso il proprio lavoro e garantire così un servizio valido alla propria clientela? Io sono abituato a pensarla in questo modo, anche perché fossilizzarsi è controproducente per tutto e per tutti.

Kronos: Più sopra hai parlato di Ubuntu 12.04,, puoi darci la tua impressione su questo nuovo sistema di Canonical? Ormai mancano solo 40 giorni al rilascio.

SHADOW LIONHEART: Dico che Canonical, come sempre, sta dimostrando di evolversi rapidamente e per di più introducendo nuovi concetti sul nostro modo di comprendere un ambiente desktop. Quindi Unity non lo classifico come un cattivo progetto, tutt'altro, ma dovrebbero impegnarsi nella stabilità di Unity e della sua usabilità. La gente vuole qualcosa di semplice ma allo stesso tempo d'innovativo. La maggioranza ovviamente citano commenti puramente negativi perché non sono disposti ai cambiamenti ma non hanno comunque tutti i torti perché Mark Shuttleworth deve pensare ad andare incontro al modo di pensare della maggioranza della gente. Dopotutto è stato più volte detto e ripetuto che Ubuntu è una distribuzione concepita così: "Linux for human beings", quindi "Linux per essere umani". Se Canonical, e quindi sopratutto Shuttleworth, non stanno attenti perderanno di vista il nobile concetto con cui si erano tanto prefissati. La 12.04 sarà senza dubbio una pietra miliare ma mi sento di dire la mia solo quando proverò la versione definitiva a fine Aprile.

Stardust_95: Perfetto, già che siamo in tema, cosa ne pensi delle innovazioni di Red Hat inc. con Fedora e di Novell con openSUSE?

SHADOW LIONHEART: Su RedHat posso solo dire che tanti anni fa avevo a che fare con quest'ultima solo per il backup dei dati dei computer in un azienda d'idraulica e che è stata sempre la distribuzione di riferimento in ambito enterprise, ma una vera innovazione non l'hanno mai avuta. Per carità, RedHat è una roccia ma al di la di questo non mi ha mai attirato come Debian. Fedora è senza alcun ombra di dubbio una grande distribuzione ma non ho trovato stimoli come invece li ho trovati con openSUSE, specialmente in ambiente KDE. Posso infatti affermare che è stata proprio la Novell con openSUSE che mi ha fatto innamorare di KDE. Yast2 poi nella versione 12.1 ha mostrato di essere velocissimo nell'installazione e nella gestione dei pacchetti. Gli aggiornamenti poi vengono scaricati e installati con una velocità incredibile, ed è proprio quello che ha bisogno qualunque azienda. Ho intenzione infatti di spingerla anche nell'ambito delle pubbliche amministrazioni che si sono fissati con Windows XP che di sicurezza vera e propria non ne ha mai data.

Stardust_95: ottimo :D

Preferisci KDE o Gnome?

SHADOW LIONHEART: Attualmente KDE, fatta eccezione per Linux Mint, che appunto usa Gnome 3 e Cinnamon che a parer mio è un gran bel progetto e mi piace molto. Del resto come ho detto prima Mint piace non solo a me ma anche alla mia clientela.

Kronos: Sappiamo che per il tuo lavoro usi tutti i sistemi, compreso OSX, cosa ne pensi di quest'ultimo e del mondo Apple in generale? Lo consigliereti all'utente medio come molti utenti fanno?

SHADOW LIONHEART: No, OS X non lo consiglio a tutti. E' perfetto solamente per uso professionale come la grafica 3D, fotoritocco e video editing. Diversamente il Mac serve solamente per darsi un tono o per far vedere che hanno l'ultimo oggetto tecnologico di tendenza. Apple infatti è questo, una grande azienda che stimo ma che non approvo il loro modo d'inculcare alla gente i loro prodotti e il loro modo di concepire la tecnologia. La tecnologia è fatta di migliaia di sfaccettature, come quelle di un diamante, che se guardi solo una sfaccettatura non puoi apprezzare la bellezza di tale diamante se non lo vedi tutto. Sappiamo bene che al mondo esiste software proprietario e quello Open Source, possono convivere entrambi i tipi a patto di saper adottare la migliore soluzione in base alle proprie esigenze.

Stardust_95: e questo che facciamo in pratica noi sul nostro sito :)

Kronos: Vero

Uniamo tutti i sistemi unix, quindi anche gnu/linux e OSX.

SHADOW LIONHEART: Anche se sappiamo benissimo che GNU/Linux non è Unix ma solo "unix-like" dato che è stato concepito da "Minix"

Stardust_95: Si :)

Quando è cominciata la sua esperianza informatica vera e propria?

Cioè: a quanti anni hai toccato per la prima volta un pc?

SHADOW LIONHEART: Smanettavo coi vecchi pc IBM dall'87, col vecchio MS-DOS (che ho sempre odiato) dato che me ne avevano regalato uno l'azienda dove lavoravano i miei genitori in cui facevano le pulizie. Ma ho iniziato ad avere un computer abbastanza decente solo nel 99 quando acquistai il mio primo notebook Toshiba Satellite 2100 CDS. Aveva precaricato Windows 98 SE, con appena 32 MB di ram e 4 GB di hard disk che col tempo lo potenziai fino a 160 MB di ram (con un banco ram in aggiunta da 128 MB) ma cominciati a lavorare con la grafica 3D e capii che ormai era impossibile lavorare con uno spazio di soli 4 GB. Quindi optai per altre soluzioni negli anni seguenti. Ma già nel 99 cominciati ad usare le vecchie versioni di Photoshop e Dreamweaver (quest'ultimo ai tempi di Macromedia). Per motivi aziendali ho dovuto usare la vecchia versione di Frontpage inclusa nella suite di Office a quel tempo ma non è mai stata una soluzione ideale, mi sono scontrato infatti con diverse aziende pubblicitarie che si ostinavano a usarlo. Infatti tra la fine degli anni 90 e inizi 2000 erano poche le aziende che basavano il loro lavoro su Mac.

Il milanese sembra chissà cosa ma in verità sono stati pochi a brillare d'innovazione informatica, per tacere dell'ambito pubblicitario che purtroppo ho avuto esperienze molto negative.

Kronos: Ok, ultima domanda e poi ti lasciamo andare:

Cosa ne pensi di ItaliaUnix?

SHADOW LIONHEART: Lo conosco da poco come sito web e di conseguenza la sua comunità. Potrò dire qualcosa in merito solo i futuro ma mi trovo già bene.

Anzi, spero coi miei consigli di aiutare a migliorarlo.

Stardust_95: Ci mancherebbe.

Ci servono delle persone come te.

SHADOW LIONHEART: Ne sono onorato.

Kronos: Ok! Intervista finita! Tra poco la vedrai pubblicata nel portale! Ci si legge sul forum! A presto!

SHADOW LIONHEART: A presto!


  Segnala Articolo


Feedback utente

There are no reviews to display.