This site uses cookies! Learn More

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner.

Visualizza dettagli: italiaunix.com/cookies

Per proseguire con la navigazione del sito, devi accettare di utilizzare i nostri cookie :)

  • Chi è in chat

    Al momento non ci sono utenti nella chat room

Accedi per seguire questo  
Followers 0

Intervista a Lazy e JMC di Chakra Linux! Pt.2

   (0 recensioni)

Stardust

Ora parleremo con JMC, uno degli sviluppatori di Chakra :D

<giulio> Ciao! mi chiamo Giulio Mantovani e sono il recensore di ItaliaUnix, ho 16 anni e sono un appassionato d informatica

<jmc> capperi! a 16 già così attivo! Complimenti! mi presento anche io: mi chiamo Daniele Cocca, studio Informatica alla Sapienza di Roma, ho 23 anni, sono un amante del mondo GNU/Linux e da un annetto dò una mano a Chakra

<giulio> piacere di conoscerti Daniele dimmi, come hai scoperto l'informatica? in pratica, come hai e quando hai usato un pc per la prima volta?

<jmc> eh, bella domanda :D

<giulio> XD

<jmc> non ricordo quando di preciso ho avuto il mio primo pc, ho scoperto abbastanza presto questo mondo

<giulio> ah

<jmc> mi ci sono addentrato abbastanza presto, avrò avuto 10-11 anni che ho preso il mio primo pc

<giulio> molto presto :D

<jmc> poi avendo uno zio smanettone, la cosa è stata inevitabile

<giulio> XD

<jmc> ho conosciuto il mondo della programmazione per caso, siccome all'epoca i pc in giro erano ancora con windows 95 e dos, (ebbene sì, sono vecchio :|) girovagando per le cartelle del dos ho trovato quel famoso "qbasic.exe" che pensavo essere un editor di testo invece, poi ho saputo che serviva a programmare e da li è venuto da sé

<giulio> come hai scoperto Linux?

<jmc> ridicolo a dirsi ma è stato merito di windows xp, avevo già sentito parlare di linux da un po', ho scoperto linux intorno ai 15 anni credo lo conoscevo già, ma solo come nome

<giulio> quindi sono 8 anni che lo hai scoperto?

<jmc> sì, esatto. Poi quando ho provato a scrivere un mio kernel (e la cosa è diventata celebre sul forum di Hardware Upgrade) ho deciso di installarlo per svilupparci sopra, il fatto è che all'epoca ero in perenne dual boot...

<giulio> aspetta, che intendi per tuo kernel? uno scritto da 0 o un custom pesante di linux?

<jmc> no no, da zero :)

<giulio> però!!! sei il Linus Torvalds Italiano XD

<jmc> LOL, ma no! ho fallito miseramente però è stato educativo, ho imparato che scrivere Kernel è inutile :)

<giulio> ma LOL!

<jmc> concludendo in brevissimo, all'epoca che avevo windows xp in dual boot principalmente usavo quello ma essendo molto nuovo, i driver nvidia avevano qualche evidente problema, e mi si bloccava tipo ogni quarto d'ora. All'ennesimo riavvio forzato, non riusciva ad aprire più nessuna partizione, tranne la sua quella è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, da quel giorno uso principalmente Linux

<giulio> e........ da quando sei nel team di chakra?

<jmc> da circa un anno

<giulio> ah

<giulio> e cosa fai nel team?

<jmc> un po' di tutto nel senso che cerco di dare una mano dove posso, un po' pacchettizzo, un po' aiuto sui forum/irc e sviluppo per alcuni dei tool che stiamo usando o stiamo per usare, in particolare in questo anno ho curato un po' cbundle

<giulio> bene su chakra ci sono i bundles, ma... ci spieghi cosa sono precisamente?

<jmc> i bundle sono una particolare maniera di distribuire il software ed hanno, come tutti gli strumenti, i loro vantaggi e i loro svantaggi, essenzialmente sono delle immagini di file system, che contengono al loro interno tutte le risorse necessarie ad un programma, tutte le risorse, con ciò intendo i dati dell'applicazione stessa, e le librerie da cui dipende

<giulio> ah! Bello! Sembra il sistema di Mac OS X

<jmc> yes, infatti le ispirazioni sono state tratte da Mac OS X, da 0install, autopackage, ecc. il funzionamento è molto semplice, scarichi l'immagine, con un click viene richiamato il programma che la gestisce, la monta e lancia il programma al suo interno il che, dicevo, ha diversi vantaggi e diversi svantaggi

pro:

1) è molto più semplice per un utente, clicca il pulsante e il programma è pronto

2) puoi avere installate varie versioni dello stesso bundle contemporaneamente

3) ogni utente può avere il proprio set di programmi *

* = normalmente se tu installi thunderbird, ad esempio, e poi arriva un altro utente che ti dà pacman -R thunderbird, il tuo programma è scomparso: con i bundle invece, quei programmi sono nella home degli utenti, e ognuno può avere le sue versioni

contro:

1) chiaramente richiedono più spazio (anche se ciò è un po' limitato dal fatto che è un filesystem compresso, per la precisione squashfs con algoritmo LZMA2)

2) per lo stesso motivo, sono un po' più lenti nell'avvio (bisogna prima montare un filesystem, e poi decomprimerlo "on-the-fly" )

3) se ci sono bundle che forniscono più programmi (come amule, che ha al suo interno anche le utility da riga di comando), solo quello "principale" è disponibile *

* = in realtà questa è una limitazione del buildsystem e di cbundle, e potrà essere rimossa in futuro

<jmc> però c'è chi storce il naso, dimenticavo un pro, dal momento che i bundle hanno tutto il necessario al proprio interno, è mooolto più difficile che un aggiornamento del sistema possa "rompere" il bundle

<giulio> quindi è un ottimo sistema, poi c'è una lista di programmi non proprio sconosciuti

<jmc> no, infatti

<giulio> c'è firefox, chrome/chromium, eclipse ecc.

<jmc> anzi, il fatto è proprio questo diciamo che facciamo un po' gli integralisti, ci sono alcune distribuzioni che fanno le integraliste non ammettendo alcun software proprietario nei propri repository il loro intento è di mostrare che se ne può fare a meno e campare tranquilli diciamo che anche chakra fa una cosa simile ma in un altro ambito

<giulio> in kde vero?

<jmc> esatto chakra scommette molto sulle potenzialità di kde e del software Qt in generale e quindi, ufficialmente, il team non fornisce e non supporta software GTK+

<giulio> beh, mi sembra anche sensata la cosa

<jmc> eccetto che per CCR, che è l'analogo di AUR di Arch Linux in CCR è ammesso di tutto infatti ci sono anche diversi programmi che normalmente vedi in bundle, però, ti rendi conto da solo che ricompilare Firefox può essere tosta e allora per la comodità di tutti, il team fornisce dei bundle

<giulio> veramente complimenti per i bundle ora mi chiedo, perchè avete scelto Arch come distribuzione madre? E non Gentoo, Fedora ecc?

<jmc> perché arch è meravigliosa :) in realtà ti dico siccome, appunto, sono nel team da poco tante di queste decisioni sono state fatte prima del mio arrivo, chakra prima era kdemod, ed esiste da un sacco ormai prima era solo un insieme di pacchetti pensati per arch linux perché arch linux aveva solo dei pacchettoni che includevano di tutto di più (kde multimedia, e ti installava tutto, non potevi installare i singoli programmi) kdemod invece cercava di dare un kde modulare, compilato su una versione di qt con varie patch apposite, con un sacco di strumenti utili, etc

<giulio> capisco, vi devo poi fare i complimenti per come avete pachetizzato kde

<jmc> grazie :D abbiamo alcuni sviluppatori che si fanno il cosiddetto mazzo e mandano avanti tutto ciò per dare una risposta più breve, comunque, direi che è stata scelta arch perché è venuto naturale, arch è la distribuzione più "kiss" che ci fosse in giro all'epoca e, appunto, chakra è nata da kdemod, che è nata tra gli utenti di arch linux quindi è solo evoluzione naturale

<giulio> altra domanda chakra usa un installer grafico chiamato tribe

<jmc> tribe è veramente un bell'installer al momento però ha dei problemi con il partizionamento dovuti al fatto che Partition Manager di KDE non è in ottimo stato (e Tribe si è sempre basato su quello) al momento si sta lavorando per gestire i dischi e le partizioni tramite udisks e, speriamo, si risolva ben presto

<giulio> bene a sapersi mi pare che i problemi ci siano quasi esclusivamente con dischi che usano GPT(GUID Partition Table) la maggior parte degli utenti usa ancora lo schema di partizioni MS-DOS

<giulio> che ne pensi dei programmi di chakra? molti non sono quelli ufficiali di KDE

<jmc> be', la maggior parte lo sono forse eccetto un paio

<giulio> appunto, per esempio bangrang, tomahawk e qupzilla

<jmc> bangarang è un progetto che viene da kde non è una nostra aggiunta : per quanto riguarda gli altri due, sono delle alternative che proponiamo di tanto in tanto

<giulio> bene

<jmc> e che di solito sono precedute da un sondaggio sul sito per decidere, ad esempio, che browser usare di default, qupzilla è stata una bella scoperta, molto giovane, ma viene sviluppato velocemente e cresce di giorno in giorno

<giulio> si, devo dire che è molto simile a firefox, ma consuma come rekonq

<jmc> è diventato il browser di default in un momento che rekonq soffriva parecchio di instabilità, qupzilla in quel momento era più stabile, per quanto riguarda tomahawk, è un altro programma degno di nota secondo me è sviluppato da alcuni sviluppatori fuoriusciti da amarok, si può estendere parecchio, adoro ad esempio il fatto di poter ascoltare la musica di chi è connesso su jabber insieme a me, la ascolto direttamente dal loro pc :D

<giulio> ok! ora dal presente passiamo al mistico futuro si sanno già le novità nel futuro di chakra?

<jmc> be' novità, diciamo che la maggiore novità nel futuro (si spera, futuro prossimo) sarà akabei

<giulio> akabei?

<jmc> sì è un package manager che stiamo sviluppando sostituirà pacman in maniera quanto più indolore possibile e permetterà a shaman di rinascere

<giulio> e di CInstall? che ci racconti?

<jmc> posso dirti che è destinato a morire, ti spiego meglio cinstall è stato scritto inizialmente da Drake Justice, che ha anche introdotto tutto questo sistema di bundle che ora vedi, cinstall è stato scritto come primo gestore di bundle e, all'epoca, faceva anche da gestore di pacchetti poi la parte relativa alla gestione dei pacchetti è stata rimossa, nel momento in cui abbiamo deciso di adottare Appset come gestore (che è un software non nostro, l'ha scritto un tale Simone Tobia, e gira anche su Arch Linux ) al momento cinstall è rimasto unicamente come gestore di bundle, ma l'intento per il futuro è quando akabei sarà pronto, di far risorgere Shaman (che era il nostro gestore di pacchetti ai tempi di kdemod)

<giulio> ah

<jmc> integrarlo con akabei per la gestione dei pacchetti, integrarlo con cbundle per la gestione dei bundle e avere un'unica interfaccia per tutto

<giulio> ottimo ci aspettano grosse novità, ci puoi dire qualche differenza tra chakra e arch a livello di aggiornamenti ecc.?

<jmc> arch linux è completamente rolling, noi solo... a metà, i nostri repository core e platform vengono aggiornati solo su necessità quando c'è bisogno di aggiornare, si aggiorna, e solo dopo una fase di testing vengono trasferiti i pacchetti in stable ubuntu è un po' diversa, ubuntu rilascia snapshot semestrali, e aggiorna tutto in blocco noi progressivamente, ma in maniera molto più lenta di arch, è chiaro perciò noi andiamo col nostro ritmo

<giulio> ma cosa vuol dire esattamente?

<jmc> che ci siamo separati da arch proprio per quello, era difficile tenere tutto su con una base completamente rolling, ci aspettiamo di non rompere la base dei sistemi degli utenti con gli aggiornamenti per cui la nostra base, come prima ti dicevo, viene aggiornata progressivamente, e solo quando necessario, non appena viene rilasciata una nuova versione del software interessato invece le applicazioni normali, e kde, quelli sono completamente rolling perché possono smettere di funzionare le singole applicazioni, ok, ma non ti distruggeranno il sistema per questo a metà il sistema è molto semplice, e funziona così. abbiamo un certo numero di utenti (compresi noi sviluppatori) che utilizzano il repository "testing" in cui le nuove versioni del software core/platform vengono caricate chi è in testing riceve tutto subitoquelli in stable invece, ricevono il nuovo software "di base" solo alla fine del periodo di testing il quale dura minimo una settimanae, se necessario, molto di più spostiamo la roba in core/platform solo quando sappiamo che tutto funziona a dovere ovvero, se nel periodo di testing nessuno ha riportato bug

<giulio> ah, bene in pratica cercate di rompere gli zebedei agli utenti il meno possibile con aggiornamenti regolari ma che non diano problemi

<jmc> esatto

<giulio> ok, ti sei spiegato benissimo, grazie mille! vedrai a breve la nostra intervista pubblicata

<jmc> sì, lazy mi ha informato

<giulio> ok

<giulio> grazie Daniele

<jmc> va bene, speriamo che sia stata una buona intervista

<giulio> lo sarà!

<jmc> grazie a te Giulio ciao e un saluto ad ItaliaUnix :D

Un grazie della collaborazione


  Segnala Articolo
Accedi per seguire questo  
Followers 0


Feedback utente

There are no reviews to display.