This site uses cookies! Learn More

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner.

Visualizza dettagli: italiaunix.com/cookies

Per proseguire con la navigazione del sito, devi accettare di utilizzare i nostri cookie :)

  • Chi è in chat

    Al momento non ci sono utenti nella chat room

Linux chiarimenti per i nuovi utenti

   (0 recensioni)

Kev
  • Sei nuovo nel mondo GNU/Linux? Sei curioso di cominciare a capire qualcosa e di staccarti da Windows? Questo è l'articolo che fa per te!

Premessa

Hai sempre utilizzato Microsoft Windows, ma hai scoperto da poco il mondo GNU/Linux e ne sei rimasto incuriosito, senza però aver capito molto di quello che viene detto? Non preoccuparti, questo è l'articolo che fa per te!

Cosa è Linux?

Allora, facciamo un po di chiarezza. Spesso si legge su internet di utenti che “installano Linux sul proprio computer”, ignorando il fatto che Linux sia solamente il Kernel del sistema. Ok, ma che cos'è un Kernel? Un Kernel è definibile come il cuore del sistema, in sintesi è il programma che permette al sistema di funzionare, gestisce le periferiche hardware del computer e si occupa di assegnare ad ogni programma le giuste risorse. Senza Kernel nessun sistema, come le distribuzioni GNU/Linux, Windows, Mac OS X o nessun altro sistema operativo potrebbe funzionare. Ogni sistema operativo ha il proprio kernel, per esempio in Windows abbiamo il Kernel Windows NT, in Mac OS X abbiamo Darwin, mentre nelle distribuzioni GNU/Linux abbiamo appunto Linux. Esiste anche un Kernel alternativo per Debian (la distribuzione da cui deriva Ubuntu) chiamato Hurd. Se provieni da sistemi Microsoft molto probabilmente non avrai mai sentito parlare di qualcosa chiamato Kernel, dato che Windows è sviluppato con codice sorgente chiuso, il che vuol dire che non è modificabile dall'utente in caso di necessità e neppure per scopi di studio. È probabile che almeno una volta ti sia capitato, utilizzando Windows, che il tuo computer abbia “crashato”, ovvero sia incappato in un errore e si sia riavviato, mostrando la tipica schermata blu (conosciuta anche come BSOD, dall'inglese Blue Screen Of Death, letteralmente schermata blu della morte), quando succede ciò vuol dire che il Kernel di Microsoft ha avuto un errore, e c'è ben poco da fare. Gli unici ad avere accesso al codice sorgente del Kernel di Windows sono appunto i tecnici e gli sviluppatori di Microsoft stessa. Il Kernel Linux è stato sviluppato originariamente da Linus Torvald ed è, al contrario, disponibile con codice sorgente aperto (open source), distribuito in modo gratuito con licenza GNU, la quale prevede che ogni persona possa avere accesso al Kernel per modificarlo, studiarlo, redistribuirlo ecc.

Ricapitolando, le persone nuove ai sistemi Linux spesso confondono Linux, il kernel, con la propria distribuzione, che può essere Ubuntu come anche Debian, Fedora ecc.

Distribuzioni

Dato che il Kernel Linux è distribuito con licenza GNU, che lascia molte libertà a chiunque voglia utilizzarlo, nel tempo sono state create molte distribuzioni di GNU/Linux, ognuna creata per ottenere diversi sistemi. Per fare un esempio, Ubuntu è stata pensata per essere una distribuzione abbastanza facile da usare per tutti, con un'interfaccia grafica gradevole per non spaventare i nuovi utenti facendogli usare il terminale. Abbiamo poi distribuzioni dedicate per i server, come Ubuntu server o anche Red Hat Enterprise Linux, che viene usato da siti web molto importanti, o ancora distribuzioni pensate per poter essere usate in sistemi molto vecchi e quindi utilizzando meno risorse possibili. Una nuova “entrata” nel mondo di GNU/Linux è sicuramente la distribuzione sviluppata da Steam, la celebre piattaforma di videogiochi che permette di acquistare i titoli online, che sta sviluppando una propria distribuzione fatta apposta per il gaming, chiamata SteamOS.

In sintesi possiamo quindi dire che le varie distribuzioni differiscono tra loro per i programmi che si possono trovare già installati, per l'interfaccia grafica di cui sono dotate (per esempio su Ubuntu abbiamo Unity, su Linux Mint abbiamo Mate, che ricorda molto Gnome 2). Da notare che se si è bravi ad utilizzare i sistemi GNU/Linux, non è fondamentale utilizzare un interfaccia grafica, dato che una particolarità di questi sistemi è proprio che possono essere utilizzati interamente da terminale. Quando si sceglie la propria distribuzione GNU/Linux, è necessario prendere qualche minuto per pensare allo scopo per il quale utilizzeremo principalmente il nostro computer, e se nulla ci soddisfa possiamo sempre creare la nostra distribuzione personale, come abbiamo spiegato in questo articolo.

Software per GNU/Linux

La maggior parte del software è distribuito gratuitamente, sempre con la licenza GNU, che ho spiegato prima. La cosa bella, secondo me, è che nessuno impone limiti a quello che puoi o non puoi fare con questi sistemi, perciò esiste qualsiasi genere di software: a partire dai programmi per l'ufficio, come OpenOffice o LiberOffice (che ha raggiunto da poco la versione 5, ulteriori informazioni cliccando qui), a veri e propri programmi e distribuzioni per l'hacking. Esistono anche programmi che si interfacciano con hardware specifici per controllare parti meccaniche, come si può facilmente vedere nel video sotto, il tutto è gestito da un Raspberry Pi, un piccolo computer sviluppato su una singola scheda che funziona grazie ad una versione di Debian programmata appositamente per questo hardware, che si chiama Raspbian. Ne parliamo nel dettaglio qui.

Un interessante video a questa pagina di Youtube

Insomma, per ogni distribuzione Linux sono disponibili numerosi software che permettono di fare praticamente qualsiasi cosa, e di sfruttare al100% l'hardware e le periferiche che si hanno a disposizione.

Trovare ed installare software

Nelle distribuzioni più comuni, si è voluto automatizzare la ricerca e l'installazione di programmi e pacchetti con dei “packet manager”. Questi packet manager non sono altro che dei programmi preinstallati nelle distribuzioni che installano i pacchetti dei programmi che si scaricano da internet. Un esempio è sicuramente Ubuntu Software Center, il programma preinstallato con Ubuntu che permette di cercare online software verificato ed installarlo in modo sicuro nel proprio sistema. Per quelli che non gradiscono il Software Center è disponibile il programma da riga di comando apt-get, che permette sia di installare software verificato e sicuro, sia di cercare aggiornamenti per il sistema ed i programmi, quindi di installare programmi e aggiornamenti. Volendo fare un esempio, per cercare aggiornamenti per il proprio sistema, dopo aver aperto una finestra del terminale digiteremo: “sudo apt-get update” , quindi digiteremo la nostra password, ed il computer si preoccuperà di cercare aggiornamenti in modo automatico. Una volta verificata la presenza di aggiornamenti, per installarli ci basterà scrivere “sudo apt-get upgrade”. Il manager di pacchetti ci risparmia la fatica di dover cercare i programmi che ci servono su internet per ore, per poi magari scaricare il file sbagliato ecc. Apt-get, che si chiama per esteso Aptitude, è presente in molte distribuzioni GNU/Linux basate su Debian, che sono molte, ma non è l'unico programma di questo tipo. Per fare un esempio, Fedora (che deriva da Red Hat Linux) utilizza YUM, che è stato recentemente sostituito in favore del nuovo e più prestante DNF.

Supporto

Se avete problemi ad utilizzare una distribuzione sul vostro computer, in rete sono presenti molte comunity (come la nostra) in ogni lingua che offrono supporto, mentre per i problemi più comuni basta una ricerca su google, dato che molti problemi sono stati già trattati e risolti.


  Segnala Articolo


Feedback utente

There are no reviews to display.