This site uses cookies! Learn More

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner.

Visualizza dettagli: italiaunix.com/cookies

Per proseguire con la navigazione del sito, devi accettare di utilizzare i nostri cookie :)

  • Chi è in chat

    Al momento non ci sono utenti nella chat room

Comunità informatica

Manage articles

big_johnny

Ebbene si, anche quest'anno Apple ha presentato il suo top di gamma. Siamo arrivati ad iPhone 6s e iPhone 6S Plus (ormai i nomi stanno diventando più lunghi delle varianti del Galaxy S asd).

 

Il nuovo "gioiellino" made in Cupertino rappresenta alla fin fine un miglioramento marginale del precedente modello, così come è sempre stato negli anni.
Adesso, ripercorriamo un po' le "innovative" features introdotte con l'ultimo aggiornamento hardware tramite un'immagine presa dal celebre 9gag.com
Menù contestuali (wow come in Android ROTFL) Multitasking a schede ( non c'è un po' di Lollipop? :P) Apple Pay ed NFC (Ma siamo nel 2012 o nel 2015? XD) Video in 4K (INNOVESCION, ma Android lo aveva già) Display funge da flash (Huawei Teaches) Insomma signori, più che una rivoluzione per Apple quest'anno si tratta di rimanere un po' al passo coi tempi, anche se alla fine gli "Apple Fans" con lo scettro in mano deprecheranno gli haters difendendo le "INNOVATIVE" caratteristiche del melafonino.
http://9gag.com/gag/aDm8zMO?ref=fbp
 
Kryuko.sh

Samsung deride Apple e il suo iPhone 6s sulla questione batteria e wireless charging tramite il suo ultimo spot pubblicitario.

Non è ormai una novità che Samsung derida il suo principale concorrente pur di far vedere di "avercelo più lungo".
Questa volta le prese in giro però sono abbastanza giustificate, visto che il nuovo iPhone 6s ha una batteria meno capiente del modello precedente, e si ostina ancora a non includere la ricarica wireless, che ormai hanno integrato anche i mobili di IKEA.
Non c'è molto altro da aggiungere, vi lascio al video ufficiale di Samsung intitolato "It's not a Phone, It's a Galaxy".

 
Mini-news: Hai già provato la nostra App Android? No? Perché allora non dai un occhio sul Play Store?
Kryuko.sh

Finalmente eccoci qua, a presentare a tutti gli utenti la nostra nuova App per tutti gli utenti di ItaliaUnix! :)

Dopo qualche giorno di lavoro, siamo finalmente riusciti a integrare il tema del sito con l'App, questo è il risultato:

Cosa potete fare con l'App di ItaliaUnix? Semplice, avrete completo accesso a tutte le funzionalità del nostro sito web, dal menu a scomparsa alla vostra sinistra potrete andare sulle principali pagine del sito, compresi i vari social, il tutto con una grafica finalmente integrata in Android (4.x e superiori).

Ma cos'ha di speciale oltre ad una grafica integrata? Semplice, abbiamo implementato un sistema di notifiche (manuale) che vi terrà aggiornati in tempo reale sulle novità del sito.

Perché ho scelto un tipo di notifica manuale e non automatica? In questo modo:
Non avrete 20 notifiche al giorno nei periodi di maggior attività nel sito. Potremo mandarvi solo le notifiche con gli articoli più importanti, tralasciando le "frivolezze". Potremo linkare nelle notifiche anche contenuti differenti dalle news, come, ad esempio, una discussione particolarmente interessante nel forum. E questo è tutto! Non mi rimane altro che lasciarvi al download! Potete scaricare l'App ufficiale di ItaliaUnix cliccando il pulsante sottostante  

Guest

Pokémon go... il gioco real life dei pokémon!

Proprio così non state sognando! Come da titolo oggi vi parlerò di Pokémon GO!
Infatti è giunta la notizia che  Niantic e Nintendo stanno lavorando a un'app free per android e iOS che ispirandosi all'omonima app Ingress permetterà di vivere un avventura stile Pokémon in prima persona... grazie a questa app potremo esplorare il mondo reale in cerca di varie specie di Pokémon. A lavorare a questo progetto troviamo pure il direttore di Games Freaks.
Come nei vecchi giochi potremmo scambiarli con altri giocatori in tempo reale.
Gli sviluppatori hanno dichiarato che l'app sarà disponibile su app store e google play nel 2016... è stato anche aggiunto che sarà prodotto un dispositivo per poter giocare senza dover osservare sempre il nostro telefono per dare un esperienza di gioco più coinvolgente.
Di seguito trovate il trailer del gioco =)
Stardust

Plasma 5 da quando è stato annunciato ha portato moltissimi nuovi concetti al Desktop Environment nato nell'ormai lontano 1998, da un'anno il nuovo plasma 5 sta rivoluzionando l'utilizzo di KDE come si conosceva nella versione 4.

Uno di questi grandi aggiornamenti è il nuovo set di icone Breeze in sostituzione del vecchio Oxygen. Oxygen era un tema di icone standard che si adattava alle varie icone delle applicazioni di terze parti, ma il loro stile non rispecchiava più le premesse di KDE, ritenute troppo vecchie come concezione sono state sostituite da Breeze, un set di icone in stile Flat con molte somiglianze al Material Design di Android, le Breeze però consentono di avere più margine di personalizzazione delle Material Design potendosi però adattare perfettamente alle medesime.
Le nuove icone Breeze sono disponibili da Plasma 5.1, ma fino ad ora mancavano di moltissime icone dei programmi interni a KDE come Amarok, Kontact, Calligra Suite ed altri, ma con il nuovo Plasma 5.4 sono state finalmente introdotte più di 1400 nuove icone rendendo il set oramai pronto per l'uso quotidiano.

Alcune delle nuove icone presenti nella versione 5.4 di Breeze
Breeze non è però un progetto terminato, come il suo predecessore Oxygen sarà in continuo aggiornamento ogni nuova versione dell'ambiente grafico, il che introdurrà sempre nuove icone e miglioramenti di queste ultime.
Plasma 5 non è ancora pronto per sostituire il suo predecessore Plasma 4, ma si sta raggiungendo il traguardo e si spera, con la prossima versione in consegna a novembre, di poter finalmente utilizzare quotidianamente l'ultima evoluzione dell'ambiente grafico con la K.
Guest

Una grave falla su Whatsapp web mette a rischio migliaia di utenti

Come da titolo oggi vi parlerò di una grave falla di Whatsapp web  che è gia stata fixata quindi state calmi.
L'exploit era estremamente semplice da applicare... bastava inviare una vcard alla vittima e quando questa la scaricava,scaricava pure il malware/trojan/qualsiasi cosa potesse infettare il pc dando accesso totale del sistema all'attaccante... tutto ciò di cui si necessitava era un account whatsapp con un numero  di telefono...in sostanza l'aggressore poteva nascondere malware nelle vcard che non veniva scoperto a causa di un filtraggio inadeguato da parte di whatsapp...ovviamente è già stata rilasciata una release con il bug fix.

Se dovessero ripresentarsi exploit del genere consiglio a tutti gli utenti di pensare prima di scaricare vari file da utenti sconosciuti e di usare un buon antivirus. ^^

FONTE
 
Guest

INFINITE BUDLE 12 GAMES STEAM

Salve a tutti in questo articolo vedrete i 12 giochi dell'INFINITE BUNDLE su Steam alla cifra di 2€ aggiungo pure che i giochi sono tutti disponibili su Windows/Linux(Ubuntu)/OS X
1)Sparkle 2 EVO:
2)Merchants of Kaidan:
3)Frederick:Evil Strikes back:
4)Frederick:Resurrection of Music:
5)Millie:
 
6)Teddy Floppy Ear -Kayaking :
7)Teddy Floppy Ear -Mountain adventure
8)Teddy Floppy Ear -The Race:
9)Sparkle 3 Genesys:
10) Viollet Remastered:
 
11) 16 bit trader
12)Lesabel
 
Bene!Questi erano tutti i 12 giochi dell'infinite bundle reperibile da http://www.bundlestars.com/all-bundles/infinite-bundle/
Buon Divertimento! =)
Francesco Dal Bello
E' stato pubblicato dal famoso gruppo di Hacktivisti Anonymous un comunicato importante su Villagervoice in cui annunciano un attacco informatico verso il colosso mondiale Facebook in data 5 Novembre 2015. Il gruppo promette di mandare offline il portale web di Facebook in segno di protesta.
Ma come mai questa data? il 5 Novembre è la data in cui ogni anno in molte città del mondo , sopratutto a Londra(dovè nata la tradizione) si celebra questo evento in piazza,indossando la maschera di Guy Fawkes,quest'ultimo nel lontano 1615 tentò invano di far esplodere il parlamento inglese, come simbolo di ribellione,la sua maschera

famossisima in tutto il mondo grazie al film V per vendetta, che riprende il tentativo di far esplodere il parlamento inglese,e grazie anche ad Anonymous che la presa come sua maschera e come suo logo. Quest'ultima infatti in tutto il mondo è simbolo di rivoluzione verso le ingiustizie e sopratutto verso i governi oppressori e le multinazionali.
Quindi il gruppo di Anonymous grazie oltre alla marcia il 5 Novemebre a Milano , organizzata su Facebook presso questa pagina, dimostrerà nuovamente ai governi mondiali cosè Anonymous, facendo probabilmente crollare il colosso Facebook, accusato più volte anche da WikiLeaks di vendere dati illegalmente a governi totalitari.
Francesco Dal Bello
Multicraft è il pannello di gestione per server Minecraft più utilizzato al mondo ormai, anche per i prezzi molto competitivi, e per le varie integrazioni con i più famosi software per Hosting come WHMCS , questo pannello delle meraviglie è molto personalizzabile, anche se sottolineo non è opensource, ci sono vari temi  che si possono aquistare da terze parti ,
Con il tema di default si presenta così:
 
Poi muovendoci su Settings, troviamo le varie impostazioni di default per tutti i server che andremmo a creare,
Per creare/eliminare ci basterà spostarci sulla sezione Servers, e digitare: Crea Server. fatto ciò apparirà una schermata simile a questa:
 
Nel immagine sopra ho creato 2 server, i server sono sempre personalizzabili,basta cliccarci sopra e apparirà la schermata di configurazione.
Multicraft come dicevo prima si può "agganciare" con WHMCS, in modo che al aquisto di un cliente di un server Minecraft, multicraft genera da sola un server minecraft per il cliente con specifiche indicate nel ordine, bhe fantastico! Questo è uno dei motivi per cui multicraft viene preferito ad altri pannelli.
Un altro è ovvimamente, che ormai i gamer che aquistano i server che di solito hanno un età compresa tra gli 11 e i 14 anni sono abituati a questo pannello e che per pigrizia non imparano a utilizzarne un altro; ma stare comunque in teme linux, multicraft è multipiattaforma si , ma esistono altri pannelli come PufferPanel, che sono completamente opensource ed efficenti, ma comunque, a voi la scelta
Cari lettori,spero di non avervi annoiato,e vi lascio a testare questo fantastico software
P3dr0z

Tutorial su come rendersi anonimi in modo trasparente su tutto il traffico di rete TCP/IP su Debian e derivate.

Questo tutorial parlerà di come rendersi anonimi in rete in maniera trasparente, mandando tutto il traffico TCP/IP sotto la rete Tor.
Per prima cosa dobbiamo avere installati i seguenti pacchetti:  tor; polipo; privoxy; proxychains; macchanger; bleachbit; virt-what .
Per aggiungere tali pacchetti su distro come in questo caso Debian o Ubuntu basterà digitare nel terminale:
sudo apt-get install tor polipo privoxy proxychains macchanger bleachbit virt-whatFatto questo possiamo procedere con la configurazione di tor come daemon, cosi da averlo pronto ad ogni avvio di sistema, per prima cosa apriamo il terminale e digitiamo:
sudo <nome_editor> /etc/default/torAperto il file con il nostro editor come nano, gedit o quello che più ci fa comodo e andiamo alla riga dove c'è scritto:
RUN_DAEMON="no"Al posto del valore "no" metteremo "yes", cosi da settare tor come demone ad ogni avvio del sistema. Ora procediamo sul configurare tor con lo script di anonimato integrato in Backbox, conosciutissima distro italiana di Penetration Testing, progettata da Raffaele Forte e Co.
Apriamo il file torrc:
sudo <nome_editor> /etc/tor/torrcIn fondo al file aggiungiamo queste quattro righe:
VirtualAddrNetwork 10.192.0.0/10 AutomapHostsOnResolve 1 TransPort 9040 DNSPort 53Salviamo e riavviamo il servizio di tor:
sudo service tor restartAggiunte le seguenti righe, salvato il torrc file e riavviato il servizio di tor, procediamo con il download dello script backbox-anonymous, all'indirizzo di github di Raffaele Forte: https://github.com/raffaele-forte/backbox-anonymous , oppure se avete git installato nel sistema, digitate nel terminale quanto segue:
git clone https://github.com/raffaele-forte/backbox-anonymous.git cd backbox-anonymous/etc/defaultEditiamo il file "backbox-anonymous": Nell'ultima parte del codice, riferente al vostro hostname, dove dice:
REAL_HOSTNAME="backbox"Dovete mettere il vostro hostname (ovvero il nome che gli avete assegnato al vostro pc), al posto di "backbox" tra gli apici doppi, fatto questo possiamo salvare il file e spostarlo in /etc/default/ con il comando mv, digitando quanto segue nel terminale:
mv backbox-anonymous /etc/default/Fatto questo torniamo nella cartella principale:
cd ../..E andiamo in:
cd usr/sbinApriamo ed editiamo il file "anonymous":
sudo <nome_editor> anonymouse modifichiamo lo stesso rigo riferente al nostro hostname, esattamente come abbiamo fatto con il file "backbox-anonymous".
Salviamo il file e spostiamolo in /usr/sbin/ con il comando mv:
sudo mv anonymous /usr/sbin/Finita questa procedura, avremo incorporato nel nostro sistema questo spettacolare script, che permette di passare l'intero traffico di rete TCP/IP sotto la rete Tor, per garantire un totale anonimato sull'intero sistema. Per avviarlo, stopparlo e vederne il suo stato, basterà digitare:
sudo anonymous start | stop | statusOvviamente un comando per volta.

Ora passiamo alla configurazione del servizio privoxy, un potentissimo proxy con moltissimi filtri configurabili, oltretutto è possibile configurarlo per lavorare con la rete Tor, ed è quello che faremo. Iniziamo a digitare nel terminale quanto segue:
sudo <nome_editor> /etc/privoxy/configCome potete vedere il file è costituito da capitoli numerati, con all'interno sezioni che servono per svariate configurazioni del proxy.
La prima parte da editare è al capitolo: "4. ACCESS CONTROL AND SECURITY", ed editiamo la parte riguardante il "listen-address" (paragrafo 4.1.), dove c'è il rigo non commentato da #, ovvero il seguente rigo:
listen-address localhost:8118metteremo al posto di "localhost" l'indirizzo di loopback, ovvero 127.0.0.1, quindi diventerà cosi:
listen-address 127.0.0.1:8118Ora passiamo al paragrafo "4.5. enable-edit-actions", dello stesso capitolo, scorriamo fino a trovare il rigo non commentato, e impostiamo il valore da 0 a 1:
enable-edit-actions 1Infine dobbiamo recarci al capitolo riguardante il forwarding (capitolo 5.), per far lavorare il proxy con la rete Tor, dirigiamoci al paragrafo "5.2. forward-socks4, forward-socks4a, forward-socks5 and forward-socks5t" e togliete il simbolo # dal rigo:
forward-socks5 / 127.0.0.1:9050 .Ed infine salviamo il file di configurazione di privoxy e riavviamo il servizio:
sudo service privoxy restartInfine non ci resterà che configurare il browser (io consiglio a tutti firefox) per poterlo abilitare a navigare sotto rete Tor, per prima cosa scarichiamo e aggiungiamo l'estensione "Foxyproxy Standard" al browser, dopo ci servirà qualcosa che blocchi i JS (JavaScript) e l'estensione "Noscript" fa al caso nostro, poi aggiungiamo un'estensione per forzare il traffico a passare sotto SSL (https), quindi aggiungiamo l'estensione "HTTPSEverywhere" ed infine aggiungiamo un'ultima, ovvero "User Agent Overrider", che servirà per cambiare identità al nostro web browser, ad esempio stiamo usando Mozilla Firefox, con il plugin impostato su "Windows / Chrome 34 (impostandolo dal menu a tendina), il sito penserà chè staremo navigando con un sistema Microsoft Windows con Chrome Ver. 34,  anzichè vedere Mozzilla Firefox e il sistema da noi utilizzato al momento della navigazione.
Ora non ci resta che riavviare il browser e infine configurare l'estensione "Foxyproxy Standard", quindi fate click sull'icona del plugin, si aprirà una finestra, fate click in alto a sinistra su "File", comparirà un menu a tendina, clickate su "Configura Tor" , vi chiederà se configurarlo con privoxy o senza, lo dobbiamo configurare sia con privoxy che senza, quindi dovremo fare due volte la stessa procedura, alla selezione della porta lasciate cosi com'è e fate click su "OK", ora vi chiederà i modelli di URL, facciamo click sulla casella di spunta che dice: "Non utilizzare questo proxy per gli indirizzi IP locali", salvate le due configurazioni dei proxy (sia con privoxy che senza), fatto questo potremo ora gestire entrambi i proxy (con privoxy e senza privoxy).
Se invece siete sotto anonimato con lo script "anonymous" di Backbox, l'intero sistema sarà in totale anonimato sotto la rete Tor in modo trasparente, quindi se apriremo firefox e ci collegheremo all'indirizzo: https://check.torproject.org/ , ci dirà che saremo sotto la rete Tor in maniera trasparente, dato che il colore della cipolla è di color grigio chiaro e non verde come quando viene eseguita con il classico Tor Browser.
Ora che abbiamo configurato il nostro sistema per navigare in totale anonimato, non ci resta che immergerci nel profondo mondo del Deepweb!!!